giovedì 5 ottobre 2017

2017: FUGA DA LAS VEGAS...

                                       
Il male si nasconde all'interno, non all'esterno...
cit. Filippo Cazzone

Prima gli spari, poi il silenzio che cala sulla folla e poi le urla. Si è scatenato il terrore durante un concerto di musica country a Las Vegas, nei pressi del Mandalay Bay Casino, dove alle 10.10 un uomo di 64 anni ha iniziato a sparare sulla folla, facendo una strage mentre era in corso il festival «Route 91».
Il bilancio — ancora provvisorio — parla di almeno 58 vittime e 500 feriti. Al momento della strage, al concerto stavano partecipando 22 mila persone. Tra le vittime anche un agente fuori servizio e tra i feriti due poliziotti di Las Vegas, colpiti durante la sparatoria con il killer.
"Era un uomo qualunque, qualcosa deve essere successo, deve aver perso la testa, siamo scioccati", così dice ora il fratello minore Eric. Paddock era all'hotel Mandalay Bay da giovedì, con la stanza prenotata a nome della compagna, Mary Lou Danley, 62 anni, cittadina australiana di origini asiatiche che viveva con l'assalitore: dopo poche ore è stata rintracciata dalla polizia ma è risultata estranea alla strage. "Non pensiamo sia coinvolta - ha fatto sapere la polizia - al momento della strage era fuori dal Paese".
L'uomo qualunque però aveva con sé 23 armi tra fucili automatici e pistole, ha ucciso decine di persone sparando a caso sulla folla e poi, terminata la carneficina, sentendosi braccato, ha scelto di suicidarsi prima di essere raggiunto dalla polizia.


Suggestioni più che ipotesi: Paddock: Recinto all'interno di un ippodromo, ove si sellano e si fanno muovere i cavalli prima della partenza (cavalli di razza, leader politici prima di uno scontro???).
Assonanza con PAD-DUCK aka Trump. Sparatoria su un concerto di musica country (yenkee, nell'immaginario popolare elettori di Trump), 58 morti=13 somma teosofica di un numero simbolico rilevante che compare spesso sulla scena di certi fatti.
I morti sono aumentati, attualmente 59, ma conta la prima notizia ed il fatto che sia stato evidenziato da subito un numero preciso, 58, pur non essendo vero, ma confermato e veicolato come reale.
32° piano aka grado massonico (Trump???).
Trump è l'anziano SIGNORE della torre che deve sparare per primo???
Oppure trattasi di un caso isolato, di un pazzo che avrebbe ucciso senza nessun movente più gente di tutti gli attentati della finta ISIS degli ultimi anni.
Mandalay è anche una citta Birmana, quindi messaggio ad oriente???
Ovviamente, l'unica cosa certa è che non è stato "l'anziano" signore a sparare.
Lui è il solito capro utilizzato per coprire azioni paramilitari.
L'ufficio dell'ISIS al Pentagono si era sbagliato ed ha mandato la novella dell'attacco islamico fuori tempo massimo. Solita rivendicazione ISIS, ma oramai era stato ucciso l'utile idiota e veicolata mediaticamente la sua morte, lui, eliminato forse per differenti motivi, così da attribuirgli una strage fatta da altri???
Molti testimoni hanno sentito colpi provenire da diversi punti e hanno parlato di probabili cecchini, c'è chi ha visto anche una persona dalla finestra muoversi mentre i colpi continuavano ad essere sparati. Qualcosa non torna, siamo alle solite...


C'è una novità però, finalmente, a sparare sarebbe stata una persona "matura", un pensionato, anche se dalla foto sembra in realtà molto più giovane. Solitamente ed ultimamente gli attentatori che i media ci hanno mostrato erano ragazzi, talvolta minorenni, evidentemente è cambiato il trend.
Forse questo significa una cambio di rotta nelle regole del gioco, magari all'interno della guerra virtuale di Trump contro la Corea del Nord, gli elementi in campo sembrano riguardare la sua posizione di leader.
Forse il messaggio è sottinteso nella scelta del capro ed ha relazioni oscure con l'attuale scenario geopolitico. Oppure, hanno eliminato un uomo per qualche motivo a noi sconosciuto, magari era un personaggio scomodo, ed hanno fatto un attentato che serviva a comunicare qualcosa ai piani alti, pigliando due piccioni con una fava. Il resto dell'operazione lo hanno fatto i media indicando un colpevole sicuro, il solito folle, ed il gioco è fatto.
Quello che è certo è il movente un po' assurdo, la presenza di ben 23 armi, tra fucili, pistole, munizioni, il fatto che fosse in albergo in vacanza, con la moglie momentaneamente fuori città che non sapeva nulla. Appare tutto piuttosto surreale, era una persona ricca e serena, almeno da quello che trapela dalle testimonianze del fratello. Non regge il discorso della follia improvvisa, anzi, in questo caso premeditata, progettata.
Dove avrebbe nascosto tutte quelle armi alla vista della moglie e degli albergatori? Un arsenale non passa inosservato dentro un Hotel di quel genere, è arrivato al Mandalay con 20 valigie?
Sarebbero bastati al massimo un paio di fucili e tante munizioni, cosa se ne faceva e come si muoveva con 23 armi???
Paddock è un personaggio curioso, il suo potrebbe essere il profilo di un ex agente dei servizi in pensione, pilotava aerei, elicotteri, era esperto militare e lavorava per la Lockheed Martin, un'azienda attiva nei settori dell'ingegneria aerospaziale e della difesa, una multinazionale formatasi nel 1995 dalla fusione tra la Lockheed Corporation e la Martin Marietta, con sede a Bethesda (Maryland).
L'azienda è il maggior contraente militare USA; nel 2009, l'85%  del suo fatturato proveniva dai contratti con il ministero della difesa o con altre agenzie federali, e un altro 13% da governi stranieri.
Il 31 agosto 2006 la Lockheed Martin si è aggiudicata l'appalto per la costruzione del veicolo spaziale Orione, con il quale la NASA ha intenzione di riportare l'uomo sulla Luna.
Il messaggio potrebbe anche riguardare la Lockheed stessa, giochi di potere interni, ricatti, vendette, regolamento di conti, magari Paddock andava eliminato per una ragione a noi ignota. 


La strage ricorda molto la storia del famoso cult Bersagli (Targets), un thriller con venature distopiche del 1968, diretto da Peter Bogdanovich con Boris Karloff  e Tim O'Kelly.
Bobby Thompson, un agente assicurativo, ex veterano della guerra del Vietnam, che conduce una vita apparentemente tranquilla, uccide la sua giovane moglie, la madre e il ragazzo delle consegne nella propria casa dopo un banale diverbio. Quindi inizia un tiro a segno nascosto sulla cima di una posizione sopraelevata uccidendo e ferendo vari autisti, motociclisti e passanti. Quando arriva la polizia, cambia postazione ed arriva in un drive-in dove continua a sparare alla gente ferendo diversi spettatori. L'unico che tenta di affrontarlo è Byron Orlok.

16 commenti:

  1. tutte queste stragi che stanno accadendo negli ultimi anni hanno un unico comune denominatore: instillare nell'inconscio collettivo un'insicurezza perpetua, affinchè nei prossimi anni sarà la gente stessa a chiedere a gran voce di essere "protetta" o per meglio dire "imprigionata", inoltre le energie emozionali sprigionate dalle folle costituiscono un bocconcino prelibato per le eggregore, maggiori introiti emozionali con il minor sforzo possibile. L'umanità si sta avviando verso una società securitaria in perfetto stile Minority Report: (http://notizie.tiscali.it/scienza/articoli/sistema-videosorveglianza-identifica-persone-prevede-crimini/?). I segnali che l'infinito ci sta comunicando si possono evidenziare in tutta la loro crudezza , è come ci stesse dicendo "la vostra civiltà cosi come la conoscete oggi è ormai agli sgoccioli, un ciclo sta per finire, se volete avere qualche chance di sopravvivenza lasciate perdere i concerti, i raduni e tutte le forme di Panem et circenses esistenti, siete sotto attacco e i cecchini sono imprevedibili, possono colpire ovunque e dove meno ve lo aspettate, l'unico modo per salvaguardare voi stessi da questi bagni di sangue è imparare a difendervi psionicamente, prima lo capirete e prima potrete correre ai ripari, uomo avvisato mezzo salvato". Il lato oscuro della forza è lì in mezzo a noi con il preciso scopo (karmico) di metterci alla prova, il piu' grande darwinista sociale è l'universo il quale gioca a scacchi con se stesso e noi siamo le pedine di un gioco che ci sovrasta. Le elites sono fermamente convinte che il popolo gregge non sia in grado di autodeterminarsi ed ha bisogno perciò di fiaccare ogni forma di potenziale resistenza organizzando stragi di innocenti come pretesto per instaurare una sorta di società panoptica in cui la sorveglianza endemica delle masse viene utilizzata come deterrente contro il dissenso popolare.

    RispondiElimina
  2. E 13 i morti nella strage col furgone della ramblas di Barcellona; e 85O (13) i feriti dichiarati "in prima notizia" per il referendum d' indipendenza in catalugna. In generale, con questo numero (accompagnato dal 9 o dal 5, a seconda...) vengono uccise persone importanti che "tradiscono" il potere costituito.
    Dock vuol dire anche "banco degli imputati", docker "scaricatore"; pad è "tampone", "riempitivo"," imbottire".
    In tutti i modi, che NON sia stato lui è talmente EVIDENTE...ma se ne sbattono, anzi lo fanno apposta a palesarsi in questo modo. Un esperimento per verificare quante VIOLENZE possono continuare a fare all' umanità, senza che questa si rivolti e prenda a mazzate quelle capocce piene di PORCHERIE.
    Marco

    RispondiElimina
  3. io ho trascorso 7 anni di vita a Las Vegas, la strip e i casinò sono fra le aree più sorvegliate del mondo. è impossibile entrare con un arsenale così, disattivare i sistemi d'allarme e tutte le altre cose che dicono abbia fatto questo signore. Come sempre la verità non la sapremo mai ma almeno possiamo farci un'idea sulle balle che ci raccontano...

    RispondiElimina
  4. Ho una premonizione: seguiranno stragi da parte di folli, armati e Americani, bianchi e non terroristi. Non solo la gente chiederà a gran voce "di essere protetta o per meglio dire imprigionata", come suggerisce l'anonimo che ha commentato prima di me, chiederà a anche che la compravendita delle armi, negli States, venga irregimentata, come mai prima nella storia degli USA. Non è casuale, secondo me, l'insistenza con cui si enumerano le armi di cui il folle era in possesso, non già una pistola, o un fucile da caccia, ma un intero armamento.
    Il tentativo di Obama di cominciare con la prima delle leggi sul maggior controllo della compravendita delle armi tra industria bellica e civili americani, è fallito, ma credo che il Governo tenterà ancora e ancora, perchè un governo che prevede la crescita esponenziale del malcontento del popolo di cui è al governo, richiede, prima di tutto, il disarmo dei civili, affinchè la legge marziale possa essere applicata con i minori rischi possibili.
    Selva Oscura

    RispondiElimina
  5. Tanto per portare una pezza d'appoggio a quel che ho scritto più su:

    - http://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/stephen_paddock_strage_las_vegas-3278570.html

    - http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/strage-las-vegas-killer-aveva-42-armi-e-materiale-per-esplosivo_3098468-201702a.shtml

    Tra le reazioni più comuni (degli Italiani, questo va specificato):

    - MAGGIOR CONTROLLO NELLA COMPRAVENDITA DI ARMI:
    . "un piccolo problema è cosa può impunemente procurarsi un coglione malato di mente per far male al prossimo, in Nevada un fucile automatico capace di centinaia di colpi al minuto lo si può comprare e detenere senza problemi, se propio non possono farne altrimenti limitino almeno questo tipo di armi"
    . "Un dato che non viene proprio calcolato è di quante persone abitano negli Stati Uniti, e quante di loro sono in possesso di arma da fuoco. E' ovvio che non si può fare un paragone con l'Italia o altri paesi. Basta pensare ai nostri mafiosi allora.."
    . "60 MORTI 400 FERITI QUESTO E' IL PREZZO DELLA LIBERTA'
    SE SI VENDONO I FUCILI MITRAGLIATORI COME LE CANNE DA PESCA ,QUESTA SARA' LA PRIMA DI UNA LUNGA SERIE LO SPIRITO DELL'EMULAZIONE E' FORTISSIMO TRA GLI IGNORANTI"
    . "E' inutile dire le armi servono o non servono,ci sono e vanno fortemente regolamentate,cosa che non succede negli Usa,dove in alcuni stati si può circolare con le armi in bella vista x le strade(Texas),si possono portare liberamente armi da fuoco in Università(Georgia),e tt questo è Inaccettabile."
    . "Intanto basta vietare le armi come nei paesi civili, nessuna arma nè addosso nè in casa. Solo forze dell’ordine. si inizierà immediatamente il controllo di tutti, ognuno dovrà prima denunciare la propria arma e poi depositarla da qualche parte, magari ad un poligono di tiro. e già si fa tanto"

    - MAGGIROR CONTROLLO SU INTERNET:
    "andrebbe regolamentato più seriamente l'accesso alle tastiere visto e considerato quello che tocca leggere nei commenti: correttezza politica e totale assenza di competenze specifiche sui temi commentati, un mix che produce eresie che spaziano dal ridicolo al patetico..."

    - MAGGIOR CONTROLLO NELLA VITA PRIVATA DEI CITTADINI:
    "se gli alberghi si dotassero di metal detector quel pazzoide non sarebbe salito in camera con 23 pistole"

    - LA LETTURA COSPIRAZIONISTA (ormai parte integrata, quando non voluta, delle "reazioni previste":
    . "da altre fonti la sparatoria è durata 4 minuti e da due finestre di due camere diverse. Le armi non erano registrate. Qualcuno ha ipotizzato che il morto non sia l'autore, ma una vittima"

    - LA LETTURA "STRATEGICA"
    . "Togliere le armi al cittadino significa lasciarle solo all autorità, dato che le armi non saranno mai eliminate. Lasciarle solo all'autorità significa rischiare il totalitarismo perenne.. che comunque verrà grazie a quei capponi che non capiscono come gira il mondo".
    Questo lettura è suggerita anche da qualche altro commentatore, una minoranza rispetto a chi invoca più regolamentazione, più controllli, più proibizioni.
    Selva Oscura

    RispondiElimina
  6. Ciao Selva, interessante disamina sulle varie letture, tutte quante in qualche modo complementari.

    RispondiElimina
  7. Anonimo6 ottobre 2017 09:15
    io ho trascorso 7 anni di vita a Las Vegas, la strip e i casinò sono fra le aree più sorvegliate del mondo. è impossibile entrare con un arsenale così, disattivare i sistemi d'allarme e tutte le altre cose che dicono abbia fatto questo signore.

    Condivido in toto, pensandoci meglio, potrebbe anche non essere morto nessun Paddock li dentro, potrebbe non esserci mai arrivato, noi diamo per scontato che fosse li. :-) L'unica certezza che non sia stato lui o chi per lui, essendoci state più finestre rotte e quindi diverse postazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il governo americano è capacissimo e in grado di organizzare ciò che vuole, soprattutto in un posto come quello, strapieno di gente "strana", contractor, black ops, basi militari segrete, ecc. COrre voce (ed è confermata da contatti che ho avuto) secondo cui alcuni casinò siano sotterraneamente collegati alle basi militari segrete. In tal caso non ci vuole niente a organizzare uno di questi attacchi...

      Elimina
  8. Io ho anche il terribile sospetto che il fratello intervistato sia LUI. ;-)

    RispondiElimina
  9. ***Il male si nasconde all'interno, non all'esterno...
    cit. Filippo Cazzone***

    Proprio così, che se fosse esterno, evidente: mostrerebbe la sua bruttura, il suo tormento e sarebbe respinto di primo acchito. Cosicché si cela e poi si maschera, si adorna delle qualità a lui opposte che tanto invidia...E TE LO METTE IN QUEL POSTO ! !
    E così che, per es., movimenti come gli animalisti o i cinque stelle e tanti altri nati bene, finiscono col diventare delle vere e proprie schifezze: a causa dell' infiltrazione e della sempre più presa di potere interno, di covi occulti di serpi, che col tempo ( TROPPO TARDI PER SCHIACCIAR LORO LE PUTRIDE TESTOLINE ! ) rivelano la loro natura violenta e frustrata con comportamenti dittatoriali e mafiosi. Naturalmente, la loro unica meta è: l' abbrutimento, l' infelicità e la distruzione TOUT COURT !

    Genoveffa

    RispondiElimina
  10. un articolo interessante sui fatti di Las Vegas:

    https://comedonchisciotte.org/forum-cdc#/discussion/98631/american-made-las-vegas-come-rituale-di-massa.-prima-parte

    RispondiElimina
  11. Ma questa cosa di Weinstein? Tutto il mondo illuminato parte all'unisono contro questo produttore, prima di tutte parte Rose (Rosa) McGowan. Sembra un sacrificio in piena regola.

    RispondiElimina
  12. Li mortacci vostri

    RispondiElimina
  13. Quando si chiedeva di rinfrescare con un po' di gioventù il senile mondo politico, non si alludeva a dei giovani DEFICENTI, infantili e privi di personalità, e ad una moltitudine di GONTAGIATI da uno SCHIZOFRENICO fenomeno di "ERRE" VOLUTAMENTE MOSCIA.

    ECCHECAZZO ! BASTA, NON SE NE PUO' PIU' !


    LULU'

    RispondiElimina
  14. Forza Italia...LASCIAMO PERDERE !
    PD...MI VENGONO I BRIVIDI !
    Cinque stelline...POVERINI !
    Tutti gli altri...SUVVIA !
    Cosa ci rimane ?!?
    L' UNICA cosa che ci rimane,( ma da cui siamo ormai LONTANISSIMI a causa di ciò che Fusaro ( povero agnellino di dio )chiama: "L' ULTIMO BALUARDO RIMASTOCI", e che invece è di fatto quella schifezza INNATURALE chiamata "famiglia monogamica") è l' UNITA' di FATTO e d' INTENTI !

    Su da bravi, SVEGLIATEVI e datevi una MOSSA -che le BALLE stanno a 9.0...ossia MATURE !

    LULU'

    RispondiElimina
  15. Non esistono i "fatti" di Las Vegas perché non c'è stata alcuna strage a Las Vegas, come non ci sono MAI state stragi a Columbine, a Sandy Hook, a Barcellona, a Boston, a Manchester, a Londra e via dicendo.

    LE STRAGI SONO FINZIONE. QUESTA E' LA MATRIX.

    E l'unica cosa giusta l'ha detta il Maestro, il presunto fratello del fittizio e non esistente Stephen Paddock (nome inventato, intendo) è esattamente LUI MEDESIMO.
    Il finto killer di Sandy Hook, Adam Lanza, non esiste, in quanto è Ryan Lanza (presentato come il fratello di Adam) che non c'entra un fico secco con la finta strage, ma i soldi gli hanno sicuramente fatto comodo, e poi ha solo dovuto sganciare alla CIA alcune sue foto da far ritoccare per creare Adam in laboratorio, che volete che sia...ha mica ammazzato nessuno, no? ;)

    Sarebbe ora di prendere coscienza che NESSUNO MUORE in queste finte stragi, il che è decisamente un bene. Dovrebbero però prendere attori decisamente migliori per fargli fare la parte dei parenti delle finte vittime, fanno veramente schifo e dovrebbero vincere l'Oscar per le peggiori interpretazioni della storia...:)))

    RispondiElimina