giovedì 19 maggio 2022

IL SACRIFICIO DEL BAMBINO SOLDATO


Siamo veramente finiti in un labirinto virtuale dove tutto è falso, anche quello che accade realmente.
Falso nella sua narrazione e da entrambe le parti in conflitto.
Tutto ciò che accade deve giustificare la spesa militare, la guerra, le guerre ed il riassetto dello scacchiere geopolitico.
"Guerrieri facciamo la guerra? cit."
Ogni tanto arriva il momento di mostrare i muscoli, talvolta prevale l'istinto ilico collettivo e la natura animale dell'uomo lotta strenuamente contro la nostra parte razionale e spirituale.
Non c'è fine all'orrore anche nei piccoli dettagli sapientemente e volutamente veicolati per ragioni di Stato, ma anche di carattere più metafisico.
Tutti i giocatori in campo condividono lo stesso schema di gioco e poi, parallelamente, confliggono come fosse una competizione sportiva o musicale. Non sono in contraddizione questi concetti, bensì complementari tra loro, da intendersi come convergenze parallele, anche dandosele di santa ragione, ma tutti all'interno dello stesso modello, della stessa forma pensiero condivisa ed accettata.
Se la Russia volesse veramente porre fine al conflitto con successo, potrebbe bombardare in 3 giorni le zone top dell'Ucraina e conquistarla in breve tempo, questo tergiversare ha ragioni più profonde e svela il grande inganno.
Invece, Putin si limita a recitare il suo ruolo all'interno del gioco collettivo e permette agli americani di fare gli americani. Sembrano effettivamente alleati su piani alti ed inconfessabili, mentre i civili ne subiscono sempre le conseguenze su piani decisamente più materiali, essendo i servi della terra di mezzo del Deepstate imperiale ed apolide.

Lo schema necessita di sacrifici umani che nella quotidianità sono regolarmente celebrati attraverso omicidi mediatici veicolati dal potere attraverso i media, mentre durante le guerre attraverso la morte di civili e giovani militari, attraverso la spettacolarizzazione brutale del panem et circenses.
Oggi e secondo lo schema magico liturgico ancestrale si celebra il sacrificio del soldato russo arrestato ed a breve processato per crimini di guerra.
Un ragazzino di 20 anni, imberbe e attonito, come proiettato in una dimensione infernale e non sua, dovrà recitare il ruolo del cattivo per conto di altri. Il tutto in mondovisione.
Una punizione esemplare in stile religioso, un po' medievalista, un po' nazista e che riassume perfettamente la cultura reazionaria che da sempre permea quei lidi.
Dovrà pagare per tutti per aver ubbidito agli ordini di superiori?
Dicono che ha confessato, è stato lui ad uccidere il passante in bicicletta ucraino, ma gli era stato ordinato, che senso ha processarlo per crimini di guerra in conflitto in corso?
Che razza di giustizia atroce e spaventosa viene veicolata al mondo intero?
E' un monito rieducativo su larga scala?
Una sorta di sacrificio cristico, dove il soldato bambino esorcizza l'inferno da tutti alimentato con dovizia.
Purtroppo o per fortuna, il sacrificio è solo virtuale, è una fiction, come tutto quello che vediamo in tv.
Vero ma falso, vero per la valenza simbolica ed emozionale che si vuol raggiungere nella sua celebrazione, falso perché è palesemente costruito come demo belligerante, come meme ai posteri ed ai poster dei più plagiabili e/o sensibili.
L'importante è veicolare doppi messaggi e cortocircuiti, questa è la natura del biopotere, mostrando un prigioniero senza un graffio che sembra uscito da Eurovision, silente, affatto disperato, forse rassegnato, pulitino e truccato, quasi efebico. Sembra un giovane Putin però più buono, impassibile, ma per niente preoccupato di rischiare la pelle.
Anche i colori veicolati della sua felpa confermano una certa rappresentazione.
Il blu è associato a vari elementi naturali, come acqua e aria, ha effetti rilassanti e distensivi per la mente, il grigio dal punto di vista psicologico, può sollecitare in una persona un senso di stallo, di immobilità, senza alcuno stimolo decisionale. Praticamente un abito perfetto quel felpino processuale, no?
Ha confessato, avrebbe confessato cosa, chissà?
Si sacrifica simbolicamente una vergine che, pur nelle sue sembianze maschili, deve ricalcare il solco del rito crowelliano, almeno nella sua grammatica liturgica di antica fattura.
L'unica differenza con il passato è che diventa evento globale, diventando fiction, falso anche fosse vero, verissimo nella sua manipolazione e nel plagio emozionale conseguente, invero, costruito ad hoc, un po' come il mito dell'acciaieria di Azovstal, che deve nascondere ben altro.
Una serie tv interattiva che fa sponda tra mito, verità e post-verità.
Un partecipante non di AMICI, ma di NEMICI, nuovo Reality dove tutto è possibile e passibile di crimini efferati. Non quelli gerontocratici dominanti, ma dei loro fanti, meglio se giovanissimi.
In fondo ha confessato, allora sarà colpevole, lo dice l'oracolo, l'ha sempre detto l'oracolo, poco o nulla è cambiato dal tribalismo atavico, se non nella rappresentazione filmica tecnologica quanto pervasiva.
Tra uno Zelensky attore due volte, nato dal parto tra il nazionalismo più radicale e il deepstate USA, un Putin nella parte ancora del crudele aguzzino (KGB e poi dittatore), noi europei nel ruolo degli straccioni servili, accontentiamoci della vittoria della band ucraina e della visita di Bono degli U2 tra macerie, coca e champagne.
Mi chiedo allora perché guardare Netflix, quando il mondo reale è diventato una macro serie tv molto più interessante e potente.
Mi rimane solo un dubbio, è la narrativa distopica che influenza la realtà o, viceversa, è quest'ultima ad influenzare gli sceneggiatori tv nelle loro opere?
Reale o reality il sacrificio del bambino soldato?




martedì 10 maggio 2022

IL MASSACRO DI ODESSA (PER NON DIMENTICARE)

 


Strage di Odessa: parla una sopravvissuta. “La brutalità ed il terrore di quel giorno dovevano essere una lezione per qualunque oppositore.”
A quasi due anni da uno dei più tragici episodi di violenza fascista dei nostri tempi, abbiamo intervistato Svetlana, una sopravvissuta della strage consumatasi ad Odessa il 2 Maggio del 2014.
Svetlana, di cui non riveliamo la reale identità per ragioni di sicurezza, vive in Italia da tempo.
Alleghiamo al testo alcune foto e documenti utili a contestualizzare questa testimonianza.
Sulla scia di sangue di Maidan, la tragedia di Odessa, insieme al massacro di Mariupol, segnano un “prima” e un “dopo” nel conflitto ucraino: una guerra civile che si protrae da quasi due anni nel silenzio assordante dei media occidentali.
Nonostante i documenti ufficiali parlino di 48 persone uccise, la maggior parte dei testimoni e dei giornalisti che hanno seguito la vicenda concorda sul fatto che il numero reale dei morti sia tragicamente più alto.
Nel frattempo, sabato 27 Marzo circa 100 neonazisti ucraini hanno attaccato il presidio dei parenti delle vittime che ogni domenica ricorda la strage radunandosi presso la Casa dei Sindacati di Odessa.

L'Intervista per l'AntiDiplomatico:

Che cos'è successo ad Odessa il 02 Maggio del 2014?
Doveva esserci una partita tra il Chernomorets (Nda, la squadra di calcio di Odessa) ed il Metallist (Nda, quella di Kharkov). I fascisti ucraini avevano annunciato di voler marciare nel centro della città. I ragazzi del movimento Kulikovo Pole (Nda: in russo “Campo Kulikovo”, il movimento odessita di opposizione al Maidan. Prende il nome ) intendevano fermarli: verso le due del pomeriggio si erano dati appuntamento per impedirgli di marciare ed avevano organizzato la difesa dell'accampamento di fronte alla Casa dei Sindacati.
C'erano anche alcune donne, tra cui io, per un totale di circa 400 persone. Gli organizzatori avevano concordato i movimenti di piazza con la polizia: in tre mesi di mobilitazioni non avevamo creato alcun tipo di disordine.
La fazione che comprendeva gli ultras e la gente radunata dai fascisti contava oltre 3000 persone. Dopo alcune provocazioni è cominciato uno scontro: l'obiettivo dell'aggressione contro Kulikovo Pole era quello di sgomberare la piazza prima del 9 Maggio, l'anniversario della vittoria contro il nazifascismo: la giornata avrebbe richiamato migliaia di persone tra le nostre fila dando molta forza al nostro movimento. Consapevoli di questo ci eravamo fermamente rifiutati di abbandonare la piazza. La loro incomparabile forza militare li ha convinti che quel giorno avrebbero avuto la possibilità di spazzarci via da Odessa definitivamente.
Come me molti tra noi si erano rifugiati nella Casa dei Sindacati, davanti alla quale avevamo costruito delle barricate, presupponendo che il livello del probabile scontro non sarebbe andato oltre quello che ci aspettavamo: mani nude, pietre, bastoni. Altri consideravano, che nel peggiore dei casi l'intervento della polizia avrebbe comunque evitato un aggravarsi della situazione, ma quando i fascisti hanno cominciato a buttare le bottiglie incendiare dentro la Casa dei Sindacati sul posto c'erano solo due volanti.
Credo che la loro scelta di utilizzare il fuoco non fosse casuale, ma piuttosto volta a rendere la loro azione il più brutale possibile.
Probabilmente oltre ai pneumatici che avevano incendiato, hanno utilizzato anche delle sostanze tossiche: c'era un odore acre, che rendeva l'aria irrespirabile. Alcuni parlavano di strani fumi verdastri che mozzavano il respiro in un attimo. La gente cercava di scappare nei corridoi rifugiandosi nelle stanze o vicino alle finestre ma, come si vede nei filmati, i fascisti sparavano da fuori contro di noi e continuavano a lanciare bottiglie incendiarie.
Pravij Sektor, Svoboda e tutti i gruppi fascisti intendevano dare una dimostrazione di forza, mostrandosi come i padroni dell'Ucraina. Quello che è successo mi ha ricordato esattamente quello che i banderisti (Nda: seguaci di Bandera, capo del collaborazionismo nazista ucraino) hanno fatto in Galizia ai polacchi, agli ebrei, e a tutti coloro – russi e ucraini – che sostenevano l'Unione Sovietica. Uno degli episodi tristemente più simili a quello che è successo il 2 Maggio ad Odessa forse è stata la Strage di Khatin (Nda, il paese bielorusso dove il 22 Marzo del 1943 come rappresaglia i nazisti bruciarono vivi almeno 149 civili dopo averli radunati in un edificio).
Ad Odessa, città eroica nella resistenza contro il fascismo, la brutalità ed il terrore di quel giorno dovevano essere una lezione per qualunque oppositore.

Come sei riuscita a salvarti?
Io mi sono nascosta in un ufficio, dentro il quale alcuni di loro hanno cercato di entrare con la forza.
Alcuni sono stati feriti, altri uccisi. Molte donne sono state violentate: le foto e video girati dai sopravvissuti – oltre alle autopsie - lo dimostrano chiaramente.
Probabilmente sono sopravvissuta solo perché oltre ai gruppi di fascisti armati quel giorno c'erano alcuni odessiti che sostenevano Maidan ma che non intendevano rendersi complici di quel massacro: una parte di quelli che aveva appoggiato il Maidan, dopo quel giorno si è rifiutata di continuare a sostenere queste bande di assassini e di criminali. Così alcuni tentarono di risparmiare delle donne, tra cui io. Mentre uscivamo, altri cercavano di picchiarci. Ricordo di una mia amica presa a calci mentre cercava di scappare. Quasi tutti venivano fermati e perquisiti dai fascisti: guardavano nelle borse. prendevano i cellulari, i documenti e anche i soldi. La maggior parte di loro si è comportata esattamente come si comportano i veri fascisti: come delle bestie.
Alcune persone sono state evidentemente freddate da dei colpi di pistola: lo dimostrano anche le autopsie. Credo che in fondo dopo questo episodio i fascisti abbiamo raggiunto il loro scopo: terrorizzare la gente e mettere a tacere ogni possibile dissenso.
Quel giorno tanti sono stati portati ad Odessa dall'Ucraina occidentale o da Kiev. Credo che la responsabilità sia dell'attuale governo e degli oligarchi come Kolomoiskij, sicuramente in accordo con chi aveva gestito materialmente il Maidan. Molti politici ucraini si sono complimentati per l'ottimo lavoro svolto e per aver eliminato “il separatismo” da Odessa.

Qual è stato il ruolo della polizia in questa vicenda?
Alcuni poliziotti – soprattutto quelli non odessiti – bloccavano il passaggio dalle uscite secondarie della Casa dei Sindacati obbligandoci a passare in mezzo ad una specie di “corridoio della vergogna” pretendendo così di umiliarci ulteriormente.
La maggior parte di loro è stata a guardare, intervenendo solo con enorme ritardo.
Chi tra i tra poliziotti avesse voluto opporsi a quello che stava succedendo era di fatto impotente: la polizia presente era disarmata.
Dopo il golpe il governo ha inserito tra i ranghi della polizia nuovi funzionari, che assecondando e rendono possibile la nostra persecuzione.

Conoscevi alcune delle persone che sono morte quel giorno?
Si, personalmente ne conoscevo due. Uno di loro era Vyacheslav Markin, un deputato del parlamento regionale: uno dei pochissimi dei deputati regionali che si opponeva ai risultati di Maidan senza paura.
Quel giorno dopo essere stato picchiato è morto anche Vadim Papura: nonostante fosse religioso Vadim faceva parte del Komsomol (Nda: l'organizzazione giovanile del partito comunista ucraino): come è possibile vedere nelle foto e nei video il giorno prima, per il 1 Maggio, era nelle prime file del corteo con la bandiera rossa: probabilmente è stato riconosciuto ed hanno deciso di fargliela pagare.

Che cosa è successo in quasi due anni ai responsabili di questa vicenda?
Ad oggi molti di loro continuano a vantarsi pubblicamente di quello che è stato fatto quel giorno: anzi, alcuni si rammaricano di aver fatto un numero di morti troppo basso. I sopravvissuti invece stanno tutt'ora subendo le persecuzioni del governo: alcuni di loro vennero arrestati sulla base di alcune testimonianze di persone che in seguito hanno detto pubblicamente di essere state costrette sotto tortura a dichiarare il falso. Ogni due mesi viene prorogata la loro detenzione senza che nei loro confronti venga formulata un'accusa specifica.
Altri, che potrebbero fornire delle testimonianze utili, secondo il tribunale sono irreperibili. Probabilmente sono stati semplicemente costretti al silenzio.
Ad oggi in carcere non c'è nessuno tra i responsabili della strage. Uno di loro, ad esempio, circa un anno fa - poco dopo il suo arresto - è stato liberato a causa delle pressioni dei gruppi fascisti.
Alle loro spalle questa gente sente il sostegno dell'Unione Europa e degli Stati Uniti, ed è convinta, forse a ragione, che questo per loro rappresenti la migliore protezione.
Anche se l'Unione Europea sostiene di non dare sponda ai fascisti, il suo appoggio a Poroshenko rappresenta un aperto sostegno nei loro confronti. I fascisti sono parte delle istituzioni: sono a capo delle forze di polizia e dei battaglioni punitivi (Nda: ad esempio il battaglione Aidar, o il battaglione Azov). Questo è motivo per cui ad oggi per lo stato ucraino non esistono responsabili della strage di Odessa. Il fascismo rappresenta una minaccia per il mondo. I fascisti di tutta Europa vedono nell'Ucraina un possibile modello replicabile altrove.

Qual è stato secondo te l'atteggiamento dei media italiani nei confronti della strage di Odessa della guerra civile in corso?
Nei media italiani c'è stato un silenzio totale su quello che è successo ad Odessa come sulla guerra in Donbass: a me questo stupisce. Noi siamo europei, ma evidentemente solo quando fa comodo.
Per fortuna quando parlo con le persone, spesso molte non capiscono del tutto: è difficile soprattutto per chi non ha l'abitudine di usare internet, dove comunque non è semplicissimo capire la verità.
Ma in ogni caso tutti, dopo i miei racconti, si convincono che c'è qualcosa che non va. Un anno fa alcuni mi chiedevano: ma se secondo te è giusto che in Ucraina ci sia un'opposizione fascista contro il governo? La realtà è evidentemente un'altra. Noi siamo antifascisti, e subiamo la persecuzione di un governo di fascisti e di criminali. La Federazione Russa è stato l'unico Paese del mondo a dichiarare ufficialmente che la strage di Odessa rappresenta un atto criminale contro il popolo.

Ed oggi qual è la situazione per gli oppositori in Ucraina?

Per chiunque critichi il governo oggi la situazione non è diversa da quella che c'era in Italia durante il fascismo. Devi avere paura di parlare con chiunque anche delle cose più banali, anche con il tuo vicino di casa. Il meccanismo della delazione è favorito dal governo. Non vengono perseguitati solo gli oppositori politici, ma chiunque sia critico verso la situazione sociale, verso i prezzi, i tagli ai servizi sociali, la disoccupazione può essere arrestato. Chiunque viene accusato di essere un “agente del Cremlino”.
E' prevista una multa per chi indossa il nastro di S.Giorgio (Nda, il nastro a bande orizzontali nere e arancioni che da circa un decennio simbolizza la vittoria dei popoli dell’ex Unione Sovietica contro il nazifascismo) . E' stato proibito l'utilizzo della Bandiera della Vittoria, perché è una bandiera del periodo sovietico. Le organizzazioni comuniste sono state messe fuori legge. Tanti sperano nell'arrivo dei propri parenti in armi dal Donbass: la gente sente la propria terra occupata, e l'occupazione è anche mentale. Ho sentito alcuni banderisti dire che ci avrebbero fatto avere paura persino di pensare in russo.

Qual è invece la situazione economica e sociale?
La situazione è disastrosa ed è destinata ad aggravarsi: mentre gli stipendi e le pensioni fermi, i prezzi per beni di prima necessità sono in continuo aumento. Il Fondo Monetario Internazionale impone all'Ucraina tutto questo: la politica antirussa del governo fa si che solo per pagare le spese per il riscaldamento un anziano debba spendere circa metà della sua pensione. senza considerare acqua, elettricità e le tasse. Tanti già non possono comprare il necessario.
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-strage_di_odessa_parla_una_sopravvissuta__la_brutalit_ed_il_terrore_di_quel_giorno_dovevano_essere_una_lezione_per_qualunque_oppositore/5496_15002/










UN NAZISTA A ROMA DALLA BOLDRINI

 


Vi ricordate Andriy Paruby, il neo-nazista accolto con tutti gli onori dalla Boldrini? È formalmente indagato per l’organizzazione del massacro di Odessa:
Andriy Paruby, il neonazista accolto con tutti gli onori del caso da Laura Boldrini nel giugno del 2017 è ufficialmente indagato per l’organizzazione del massacro di Odessa del 2 maggio 2014 (con l'allora Presidente della Camera Laura Boldrini, Andriy Paruby, firmò un Memorandum d'intesa tra i due Parlamenti e in un comunicato ufficiale la Boldrini aveva voluto rimarcare di essere in perfetta sintonia con il soggetto in questione).
Quando, sulla scia del colpo di stato di EuroMaidan e dello scoppio della guerra in Donbass, le squadracce neonaziste della destra ucraina, capeggiate da Svoboda e Pravij Sektor, assaltarono a colpi di molotov la Casa dei sindacati di Odessa, bruciando vivi una cinquantina di civili.
Secondo fonti non confermate l’indagine penale, promossa dall’ufficio investigativo statale per i crimini dei pubblici funzionari, è partita da una fotografia che ritrarrebbe il presidente del Parlamento di Kiev ed ex membro di Svoboda, il giorno della strage, a Kulikovo Pollje luogo del primo assalto neonazista che spinse i cittadini a rifugiarsi nella vicina Casa dei sindacati dove furono barbaramente assassinati.
Chissà cosa avrà da dire a tal proposito la sinistra rosé che lo accolse in Italia come un vero democratico fra sorrisi e calorose strette di mano. Dopo essere rimasti in silenzio l’anno scorso, quando Parubij affermò che Hitler “è stato il più grande politico a praticare la democrazia diretta”, molto probabilmente taceranno anche stavolta. Poco male.
Tanto all’antifascismo a convenienza di questi piccoli personaggi siamo abituati da tempo.
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-vi_ricordate_andriy_paruby_il_neonazista_accolto_con_tutti_gli_onori_dalla_boldrini_e_formalmente_indagato_per_lorganizzazione_del_massacro_di_odessa/29278_30802/

Un nazista a Roma in "piena sintonia" con Laura Boldrini:
Un nazista a Roma a firmare un Memorandum d'intesa tra la Camera dei Deputati e la Rada ucraina che ha come obiettivo il rafforzamento della cooperazione parlamentare tra le due assemblee sia sul piano politico che su quello amministrativo. 
La Presidente Laura Boldrini che ha accolto con tutti gli onori del caso il Presidente della Rada ucraina Andriy Parubiy, ha tenuto a precisare che "l'Italia ha sempre condannato l'azione illegale avvenuta ai danni di una parte del territorio ucraino come ha ripetutamente fatto anche l'Unione Europea". Inoltre la Presidente Boldrini ha tenuto a precisare, in piena sintonia con Parubiy, che è in atto una grave campagna di disinformazione atta a destabilizzare il territorio ucraino. Fin qui tutto "nella norma", viste le posizioni a dir poco miopi del nostro governo sulla questione ucraina, quello che però non è normale è altro.
Altrove, ad esempio in UK, la visita del Presidente della Rada ucraina non è passata sotto silenzio, anzi, è stata oggetto di numerose critiche da parte dell'opinione pubblica e dei partiti politici sinceramente democratici ed antifascisti. Perché?
Perché, cara Presidente Boldrini, senza voler scendere troppo nel dettaglio chiedendole se lei conosca effettivamente ciò che succede non solo nei territori in cui il governo ucraino bombarda altri cittadini ucraini colpevoli di abitare ad est e parlare russo. Senza volerle chiedere se conosca la repressione che subiscono le forze progressiste e comuniste nell'Ucraina "democratica" di Poroshenko, le chiediamo, ma lei conosce almeno Andriy Parubiy, il presidente della Rada con cui ha detto di esser in sintonia?
Andriy Parubiy, che dice di essersi sempre ispirato ai valori della Eu e di guardare all'Europa come ad un traguardo da raggiungere per l'Ucraina, nel 1991 fondò insieme a Oleg Tyahnybok, attuale leader della formazione nazionalista Svoboda, il Partito Nazional Sociale Ucraino. La fonte di ispirazione per questi democratici ucraini era il Partito Nazional Socialista di Adolf Hitler, come nel 2015 scriveva la testata tedesca spiegel.de (http://www.spiegel.de/international/europe/ukraine-sliding-towards-civil-war-in-wake-of-tough-new-laws-a-945742.html) e solo gli "etnicamente ucraini" potevano farvene parte. Sempre a proposito del PNSU, in una ricerca del 2009 degli studiosi Andreas Umland e Anton Shekovstov, famosi per non esser propriamente dei propagandisti russi, il partito fondato da Parubiy veniva etichettato con le seguenti parole: "Dei vari partiti nazionalisti ucraini il Partito Nazional Sociale Ucraino era il meno incline a nascondere la sua ideologia neofascista. 
Il suo simbolo ufficiale era il Wolfangel usato dalla divisione tedesca SS Das Reich e da una serie di organizzazioni neofasciste europee dopo il 1945. L'ideologia ufficiale del partito era quella del "nazionalismo sociale" in riferimento alla ideologia nazional socialista di stampo Hitleriano. La piattaforma politica del PNSU si è sempre contraddistinta per il suo ultranazionalismo, per l'obiettivo dichiarato della presa del potere attraverso azioni violente e per incolpare la Russia di tutti i problemi che affliggevano ed affliggono l'Ucraina. Inoltre il PNSU è stato il primo partito a coinvolgere nelle proprie attività naziskin provenienti dagli ambienti calcistici ucraini". http://www.academia.edu/5261476/Ultraright_Party_Politics_in_Post-Soviet_Ukraine_and_the_Puzzle_of_the_Electoral_Marginalism_of_Ukrainian_Ultranationalists_in_1994-2009



Dal 1998 al 2004 il democraticissimo Parubiy ha guidato la formazione paramilitare di estrema destra "Patrioti di Ucraina"sempre all'interno del PNSU. In questi anni la formazione paramilitare si è resa protagonista di pestaggi a Lvov durante le manifestazioni del Partito Comunista Ucraino (1998) e di commemorazioni inneggianti ai collaborazionisti nazisti della OUN – UPA capeggiati da Stephan Bandera, divenuto eroe nazionale in questi ultimi anni. Bandera si è reso responsabile della uccisione di migliaia di russi, bielorussi e polacchi, secondo gli studiosi le azioni dell'OUN – UPA sono da catalogarsi come pulizia etnica. http://www.academia.edu/7629265/Ethnic_Cleansing_Genocide_or_Ukrainian-Polish_Conflict_The_Mass_Murder_of_Poles_by_the_OUN_and_the_UPA_in_Volhynia



A proposito di Stephan Bandera, quando nel 2010 una risoluzione del Parlamento Europeo deplorava la decisione del governo Yushchenko di proclamare il collaborazionista nazista Bandera eroe nazionale, il sempre democraticissimo Parubiy vomitava parole d'odio verso la "democrazia europea" e verso la "sempre colpevole" Russia in difesa del nazismo.
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2010-0035+0+DOC+XML+V0//EN .

Tornando agli avvenimenti più recenti, Parubiy lo ritroviamo durante la rivolta di Maidan tra i protagonisti della "ribellione", conosciuto come "comandante di Maidan". Appare in molti scatti al fianco di manifestanti violenti soprattutto con i militanti di Pravji Sektor (Settore Destro), una delle organizzazioni paramilitari nazionaliste che stranamente è capeggiata dal pupillo di Parubiy ai tempi di "Patrioti Ucraini", Andriy Biletskiy. Durante i giorni più caldi del Maidan che hanno portato poi alla destituzione del Presidente eletto Yanukovitch e al seguente colpo di Stato, Parubiy assume un ruolo importante nel coordinare le operazioni dell'ala paramilitare della protesta. Secondo la BBC ed altri studiosi dei tragici avvenimenti ucraini la storia ufficiale del massacro di Maidan sarebbe ben diversa dalla realtà che viene fuori da varie testimonianze, e Parubiy sembra aver una fetta enorme di responsabilità su quanto è successo visto il suo ruolo di coordinatore dell'ala più oltranzista e la sua capacità di riunire sotto la propria ala protettrice tutti i gruppi più nazisti d'Ucraina.
http://www.globalresearch.ca/who-was-maidan-snipers-mastermind/5384599
https://gordonhahn.com/2016/03/09/the-real-snipers-massacre-ukraine-february-2014-updatedrevised-working-paper/
http://www.bbc.com/news/magazine-31359021

Infine, per non farsi mancare niente, Andriy Parubiy lo possiamo vedere il 29 Aprile del 2014 quando si reca ad Odessa a regalare giubbotti antiproiettili ai "patrioti" Ucraini, ed in particolare lo possiamo vedere chiacchierare in maniera molto amichevole con Mykola Volkov, uno dei principali protagonisti dell'organizzazione del Massacro del 2 Maggio 2014, quando persero la vita migliaia di manifestanti pacifici che non volevano il colpo di Stato in atto a Kiev. In questi seguenti video possiamo vedere il momento della consegna dei giubboti e il ruolo di Volkov durante il 2 Maggio, quando lo si vede chiaramente sparare all'indirizzo della casa dei Sindacati. 
video widely available on the internet https://www.youtube.com/watch?v=LLOD0aIcn_s
Sempre nel 2014, Andryi Parubiy fonda il Partito Fronte Popolare, partito che ha al proprio interno un "consiglio militare" composto dai Presidenti delle organizzazioni naziste paramilitari Azov e Aidar.




In conclusione ci chiediamo come sia possibile che un Paese come il nostro che si dichiara antifascista per vocazione costituzionale possa accogliere personaggi simili con tutti gli onori del caso e possa addirittura firmare memorandum di intesa con governi che perseguono questo tipo di politiche razziste nei confronti delle minoranze interne. Ci chiediamo come sia possibile che la Presidente Boldrini sempre attenta, a parole, a combattere ogni forma di razzismo possa fare dichiarazioni come quelle riportate in apertura di articolo. A quanto sembra le uniche fake news sono proprio le sue e quelle del suo carrozzone politico politically correct a parole e non nei fatti.
Chiediamo quindi che tutte le formazioni sinceramente democratiche e autenticamente ancorate alla nostra Costituzione antifascista si facciano da portavoce per chiedere spiegazioni alla Presidente della Camera ed al governo Italiano che si sta rendendo complice di uno Stato che fa del razzismo il suo cavallo di battaglia.

Danilo Della Valle

martedì 26 aprile 2022

LABORATORI ARMI BIOLOGICHE, ESTREMA DESTRA E BIDEN'S FAMILY



All'epoca Joe Biden era vicepresidente e si presentò più volte in Ucraina, parlò alle manifestazioni, incontrò gli oppositori (quelli che poi sarebbero andati al governo con un colpo di stato) e il primo maggio del 2014 fece un volo diretto da Washington a Odessa, senza incontrare il Presidente. 
Incontrò il ministro degli interni (ex capo di una formazione potente di squadracce naziste), incontrò il prefetto di Odessa e incontrò il capo della criminalità locale. Poi è ripartito, e il giorno successivo gli ultrà della squadra di calcio di Odessa e di Kharkiv, centinaia di picchiatori nazisti e reparti della polizia presero d'assalto i manifestanti antifascisti, li costrinsero alla fuga, loro si rifugiarono in un edificio che era la casa dei sindacati, e i nazisti assaltarono l'edificio, gli diedero letteralmente fuoco dopo essere entrati, aver torturato le persone, averle stuprate. Hanno dato fuoco all'edificio e chi è sopravvissuto è stato bruciato vivo, arso vivo.
In quella strage muoiono oltre 300 persone, è la più grande strage dell'Europa dalla seconda guerra mondiale in poi, se si esclude la Bosnia. Che Biden sia legato a questa strage non esiste prova, però incontra i personaggi che gestiscono la strage. Pochi giorni dopo il figlio (di Biden) entra nel consiglio di amministrazione della Burisma, la più importante società di gas ucraina. Vorrei ricordare che l'Ucraina ha le più grandi riserve di gas del mondo. 
La Burisma è una società particolare perché che ha sede a Cipro (paradiso fiscale), il principale azionista è un oligarca ucraino dalla tripla nazionalità (ucraina, cipriota, israeliana) ed è stato anche presidente delle comunità ebraiche europee. Questo personaggio è di Odessa ed ha messo a disposizione per fare la strage una sua compagnia di paramilitari neonazisti (pagati da lui). Ci sono anche le inchieste dell'FBI che certificano questa cosa. Questo personaggio, attraverso un suo battaglione, ha partecipato alla strage di Odessa. Nella Burisma entra anche il braccio destro di Kerry (all'epoca ministro degli esteri degli Stati Uniti) come consigliere d'amministrazione. Quando un procuratore di Kiev si è messo a indagare su questa vicenda è stato sostituito improvvisamente. 
Nel 2005 il presidente George Bush decide di finanziare una rete di bio-laboratori sparsi in tutto il mondo, ufficialmente per combattere il terrorismo. Inizialmente si sapeva che questi laboratori fossero poco più di 200, invece sta emergendo essere oltre 360 sparsi per il mondo. 
Essi producono ARMI BIOLOGICHE, esattamente come il laboratorio di Whuan (come Sars, Antrace, Ebola, Aids). Questi laboratori sono territorio statunitense, nessuno può entrarvi senza autorizzazione del Pentagono.
Gli americani hanno letteralmente circondato la Russia di questi bio-laboratori, molti dei quali messi lungo il confine (in Ucraina, Georgia, Azerbaijan, Kazakistan). Questi laboratori hanno continui "incidenti", che hanno causato negli ultimi anni una serie di piccole epidemie lungo il confine russo, che hanno provocato centinaia di morti. Al di là di questo, ciò che è emerso da diversi anni è che questi laboratori fanno anche qualcos'altro. 
I servizi segreti russi sono riusciti a mettere le mani sui documenti di un laboratorio in Georgia, li hanno resi pubblici: si facevano esperimenti sugli esseri umani ( c'era anche un elenco di 73 "volontari" morti) e stavano mappando il DNA dei russi. 
Informandomi ho scoperto che LA NUOVA FRONTIERA DELLE ARMI BIOLOGICHE SONO LE ARMI A DNA, OVVERO DELLE ARMI CHE COLPISCONO UN CERTO TIPO DI PERSONE. Queste scoperte hanno molto preoccupato i russi, anche perché in Ucraina erano stati costruiti 17 laboratori, che poi si è scoperto essere 30. Quando i russi hanno invaso l'Ucraina hanno puntato proprio a questi laboratori perché ne hanno molta paura. La Russia ha denunciato la presenza di questi bio-laboratori al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite chiedendo espressamente che fosse istituita una commissione che andasse ad ispezionarli e poi chiuderli. Invasa l'Ucraina dunque, i russi hanno preso molti di questi laboratori, mentre gli USA continuavano a negarne l'esistenza quando. Ad un certo punto, di fronte all'evidenza, sono stati costretti ad ammetterne ufficialmente l'esistenza, e presi dal panico, hanno cominciato a fare appelli alla Russia chiedendo di fare attenzione. 
di Franco Fracassi

Vediamo ora tutti i politici e uomini delle forze armate di estrema destra presenti in Ucraina:
Andry Parubiy: Segretario del Consiglio Ucraino di Difesa e Sicurezza Nazionale. Parubiy aveva fondato il Partito Nazional Socialista dell’ Ucraina, formazione di estrema destra ultranazionalista e neo-Nazista nata nel 1991 che, malgrado il nome cambiato in Svoboda(=libertà) siede in parlamento(con soli 6 eletti invero) continuando a usare tranquillamente simboli e bandiere naziste e a richiamarsi a a Stepan Bandera, il collaborazionista ucraino dell’Ovest schierato dalla parte di Hitler, che era invece combattuto dagli Ucraini dell’Est alleati con l’Unione Sovietica di Stalin. Di qui, e da ancor più antiche ostilità, l’odio feroce che oppone le due parti dell’Ucraina. Sarebbe utile approfondire per meglio capire le posizioni.

Oleh Tyahnybok: leader di Svoboda, partito che siede in parlamento (Tyahnybok fotografato un anno fa col futuro premier Yatseniuk insieme al senatore US John McCain e a Victoria Nuland, assistente di John Kerry per Europa e Eurasia, falco Neocon nonché moglie di Robert Kagan, la vera architetta del piano ucraino costato $5 miliardi, dichiarò lei stessa, di cui venne resa nota la telefonata in cui mandava esplicitamente a farsi fottere gli europei.

Dmytro Yarosh: vice Segretario per la Sicurezza Nazionale. Leader di Pravy Sektor, sovrintende le forze armate con Parubiy. Pravy Sektor include il gruppo di estrema destra Patrioti dell’Ucraina e i paramilitari di UNA-UNSO (ne parliamo più avanti). Nelle loro insegne ci sono rune naziste, svastiche e altri simboli nazi.

Oleksandr Sych: vice Primo Ministro. Sych è membro del partito Svoboda

Ihor Shvaika: ministro dell’Agricoltura, idem

Andriy Mokhnyk: ministro dell’Ecologia. Mokhnyk di Svoboda è vice leader.
In parlamento, capi dei battaglioni di milizie che seminano terrore nell’Est. Squadre di volontari/mercenari che affiancano/surrogano esercito regolare di Kiev e Guardia Nazionale nella guerra etnica contro i cosiddetti “separatisti filo-Russi “. Sarebbero 34 o 50 e conterebbero varie migliaia di militi, 7000 solo il Dniepr secondo AFP.

Oleg Lyashko: capo del Radical Party che porta anche il suo nome, nonché del battaglione “Shaktar”. Human Right Watch e Amnesty International ne hanno condannato le azioni nell’Est Ucraina, ma pure sequestri di persona e torture nei confronti di suoi concorrenti (video qui). Global Researchaggiunge accuse di stupri e di giovani volontari costretti a prostituirsi (video), sebbene Lyashko, che era un candidato alla presidenza, sia considerato un politico in ascesa.

Sergey Melnichuk:
comandante del battaglione “Aydar”dalle incerte sorti, deputato scelto da Lyashko.

Andrij Teteruk: neo senatore e comandante del battaglione “Myotvorets” (=che porta la pace), milizia di polizia che “restaura l’ordine negli insediamenti liberati, li ripulisce dai criminali e dalle armi”, a suo dire. Tradotto: milizie punitive.

Semen Semenchenko: nuovo senatore anche lui, il suo battaglione “Donbass” è responsabile di molti orrori contro i civili delll’Est.

Yuri Bereza: neo senatore, comanda il battaglione“Dniepr1” finanziato da Ihor Kolomoysky, il potente oligarca banchiere 2° o 3° più ricco del paese, da poco nominato governatore di Dniepropetrovsk. Kolomoysky, passaporto ucraino, cipriota e israeliano, avrebbe pianificato e finanziato il massacro di Odessa in cui sono stati torturati, mutilati e infine bruciati 37 civili, 19 dei quali ebrei. Il battaglione pullula di svastiche e mercenari Neo-Nazi. “Animali neonazisti”, li ha bollati l’assistente dell’oligarca.

Andrij Biletsky: capo dei gruppi neo-Nazisti Assemblea Social-Nazionale e Patrioti dell’Ucraina è il fondatore e comandante del battaglione “Azov”, il più tristemente noto. Responsabile di rapimenti, stupri, torture e assassini di civili nella regione del Donbass ma anche a Mariupol dove è basato, fra i suoi emblemi oltre a rune e svastiche (viste in tv pare abbiano impressionato molto i tedeschi, per il WashingtonPost sono romanticherie giovanili) c’è il simbolo occulto del Sole Nero usato dalle SS naziste.

QUANDO LA STAMPA ITALIANA SI PREOCCUPAVA DEI NAZISTI UCRAINI

 


22 maggio 2014: sono passati tre mesi dal colpo di Stato che ha abbattuto il presidente Yanukovich e dato il via alla fase “filo-occidentale” in Ucraina. Su “La Stampa” compare questo articolo che mette in evidenza il protagonismo dei gruppi neo-nazisti nella “rivoluzione arancione” ispirata dalla NATO e la loro centralità nei nuovi equilibri politici del Paese. Oggi un articolo del genere sui media mainstream sarebbe impensabile ma all’epoca la priorità per i mezzi d’informazione non era quella di dipingere il governo di Kiev come il più democratico e illuminato del mondo, ma strepitare contro la destra sovranista in ascesa in tutta Europa. “Che conseguenze può avere per l’Europa questo coagularsi di queste forze non solo euroscettiche, ma ultranazionaliste, razziste, anti immigrati, antiabortiste e via dicendo?” si chiedeva l’autrice. La rilettura di questo articolo ci sembra particolarmente utile alla vigilia del 25 aprile, in un momento in cui l’ANPI è bersaglio di una campagna mai vista di insulti e calunnie per non essersi schierato acriticamente dalla parte del Battaglione Azov (noto club di estimatori della filosofia classica) e degli eredi di Stepan Bandera. Campagna nella quale si distinguono personaggi legati al cosiddetto “centro-sinistra”, ai quali in realtà dell’antifascismo non importa un fico secco. L’auspicio è che invece la giornata della Liberazione possa contribuire a una riflessione sulle vecchie e nuove destre, sia quelle legate al carro atlantista, sia quelle “rossobrune” schierate sul fronte opposto (red.).

Ucraina: se il nuovo corso filo-Occidente include l’ultradestra neo-Nazista
MARIA GRAZIA BRUZZONE (da LA STAMPA del 22 maggio del 2014)
L’ultimo scontro è quello all’ONU fra l’inviato ucraino e i russi – tutto verbale, per carità. In margine alla riunione del Consiglio di Sicurezza, martedì scorso, l’ambasciatore ucraino alle nazioni unite Yuriy Sergeyev ha incolpato l’ex URSS di aver fabbricato le accuse contro i nazionalisti ucraini davanti al tribunale di Norimberga contro i crimini nazisti. “Offende la memoria di Russi, Ukraini, Ebrei, Polacchi e cittadini di altre nazionalità vittime delle atrocità degli Ukraini sostenitori dei Nazisti; ci sono un mucchio di prove, le forniremo a Sergeyev “, ha risposto il ministro degli Esteri russo.
E’ una storia vecchia di oltre 70 anni ma sempre viva nella memoria di un paese dove nazionalismo e Seconda Guerra Mondiale sono sempre rimasti temi divisivi, ammette lo stesso sito russo RT che riporta il curioso episodio. Ed è tornata più che mai alla ribalta oggi che gli ultranazionalisti neoNazisti e russofobi di Svoboda (Libertà) e di Pravy Sektor (Right Sector, Settore Destro o Ala Destra), dopo aver guidato la protesta di Maidan hanno conquistato ruoli di primissimo piano nel nuovo governo e controllano Forze Armate, Polizia, Giustizia e Sicurezza Nazionale. Abbastanza da preoccupare la Russia, certo, ma forse anche l’Europa dove ci si accinge a votare fra qualche mese e dove i partiti di destra estrema, più o meno rivestiti di panni rispettabili, stanno conquistano posizioni tra gli euroscettici.

Al centro della disputa è la figura di Stepan Bandera leggendario combattente per la libertà e l’indipendenza ucraina per i nazionalisti ucraini di cui sopra, ma collaboratore della Germania di Hitler durante la Seconda Guerra Mondiale con la quale si alleò in funzione anti sovietica pur di conquistare l’indipendenza del suo paese. La sua organizzazione fascista OUN-B, contribuì all’Olocausto facendo uccidere migliaia di Ebrei e Polacchi e dopo la guerra si batteva per un’Europa totalitaria ed etnicamente pura mentre un movimento affiliato portava avanti un fallimentare tentativo di sollevazione contro l’URSS, tanto che Bandera (che secondo alcune fonti era diventato un agente dell’MI6) alla fine venne fatto fuori dal KGB – scrive il sito progressista californiano Salon.com, in un post (25/2/2014) intitolato “Gli Usa in Ucraina appoggiano i neo-Nazisti?”
E non è l’unico né il primo a esprimere perplessità e porsi interrogativi del genere – Vedi il Guardian già il 22/1 (L’estrema destra ha infiltrato il movimento di protesta, che non riflette tutti), , TIME il 28/1 (La protesta di Kiev sequestrata da gruppi di estrema destra) e International Business Times (19/2), e Business Insider, che linka persino il Jerusalem Post e Counterpunch.org (vari post), fino ai più “alternativi” Infowars, Global Research e il sito di La Rouche ripreso in italiano da Movisol e altri.

Tanto più man mano che è venuto alla luce il coinvolgimento della politica americana nella preparazione del push che ha detronizzato il premier Yanukovich che, per quanto il suo regime fosse degenerato e corrotto, era pur sempre stato eletto dalla maggioranza degli ucraini -Vedi l’incontro, già a dicembre, del senatore repubblicano John Mc Cain col leader di Svoboda Oleh Tyanhybok e col futuro presidente l’ex banchiere Arseniy Yatsenyuk. Indicato poi esplicitamente a quel ruolo da parte dell’assistente alla Segreteria di Stato, il “falco” Victoria Nuland, durante una telefonata riservata con l’ambasciatore Usa a Kiev, nonché la foto insieme agli stessi personaggi di Nuland che a dicembre a Washington aveva dichiarato che gli Usa avevano investito $ 5 miliardi nelle agitazioni ucraini.
Salon aggiunge alla storia di Bandera una coda “americana” che spesso sfugge (si cita il libro del giornalista Russ Bellant. Old nazi, New Right and the Repubblican Part, 1988).
“Nel dopoguerra molti sopravvissuti dell’OUN-B fuggirono in Europa Occidentale e negli Stati Uniti, a volte con l’aiuto della CIA, dove fecero alleanze con gruppi di destra. A Washington questi transfughi ricostituirono l’OUN-B sotto la sigla UCCA – Ukrainian Congress Committee of America, in buoni rapporti coi Repubblicani (un banderista di spicco, Stetsko, che sovrintese al massacro di 7000 ebrei a Lviv venne ricevuto da Reagan alla Casa Bianca nel 1983). Tanto che quando il Dipartimento di Giustizia lanciò una crociata per catturare e processare i criminali nazisti, l’UCCA fece lobby inducendo il Congresso a bloccare l’iniziativa. Ed è ancora una lobby influente, né nasconde la sua reverenza per il nazionalismo Banderista.”
Non lo nasconde neanche Svoboda, il partito che ha avuto un ruolo di leader nella protesta di Maidan e il cui ingresso per la prima volta nel 2010 nel parlamento ucraino, con 36 seggi e il 10% dei voti (soprattutto nelle regioni dell’estremo ovest di lingua ucraina, dove arriva al 40%) ha suscitato dichiarazioni di sorpresa e preoccupazione da parte di leader europei e israeliani.
Due settimane dopo che Nuland aveva dichiarato che Euromaidan “incorpora i principi e i valori che sono pietre miliari di ogni democrazia” , 15.000 membri di Svoboda hanno promosso una manifestazione a lume di torce in onore di Bandera a Lviv –epicentro delle attività neofasciste in Ucraina. Luogo dove si è voluto rinominare Piazza della Pace -nome troppo sovietico- “Battaglione Nachtigall “in onore degli autori della carneficina di ebrei a Lviv e in Bielorussia.

Il suo leader Oleh Tyahnybok non solo sostiene che contro la Russia “eterno nemico” dell’Ucraina “la guerra è inevitabile, non solo è fautore di un nazionalismo etnico, ma ha una lunga storia di dichiarazioni anti semite, compreso l’appello lanciato in parlamento nel 2004 lanciò per la liberazione del suo paese “controllato dalla mafia Moscovita-Ebraica”, e se l’è presa anche con l’”Organized Jewry” (organizzazione ebraica, traduciamo impropriamente) che domina i media e il governo” – riferisce il citato International Business Times. Aggiungendo che in risposta alla retorica antisemita di Svoboda il World Jewish Congress aveva chiesto di bandire il partito.
Del resto il vice di Tyahnybok, Yuriy Mykhalchyshyn ama citare il ministro della Propaganda di Hitler Joseph Goebbels, che ammira al punto da aver dato il suo nome a un think tank che ha fondato.
Sarebbe il “social nazionalista” Mykhalchyshyn il collegamento fra Svoboda e le milizie neo-Naziste raggruppate sotto l’ombrello del Pravy Sektor, vero protagonista sul campo della protesta di Euromaidan. “Un oscuro raggruppamento di nazionalisti autonomi riconoscibili dall’abbigliamento da skineahds, via ascetica, fascinazione per le violenze di strada”, lo descrive Salon. E dalle fasce gialle al braccio con rune nere, simboli celtici dell’ultradestra, più qualche svastika quando capita.

Leader di spicco dell’Ala Destra e della rivolta di Kiev è Dmitry Yarosh già alla guida del Tryzub (Tridente), che del Right Sector è diventato il cuore, comandante sul campo, con i suoi 2-3000 militi venuti da tutta l’Ucraina, armati di scudi, mazze – e catene, pietre, bottiglie Molotov, persino medievali catapulte, vantava lui stesso, intervistato da TIME un mese fa, rivelando per la prima volta “l’arsenale letale accumulato” e dicendosi “pronto al conflitto armato”.
È riapparso in piazza Indipendenza il 22 febbraio, il giorno dopo che la politica aveva raggiunto un accordo, garantito dai ministri degli esteri di Polonia, Francia e Germania. Nel video postato da RT arringa la piazza con cupi toni militareschi, in quello di Salon promette di combattere “contro la degenerazione del liberalismo totalitario”, e di condurre le sue armate alla “riconquista dell’Europa”. Secondo alcuni l’adesione al movimento pro Europa sarebbe solo strumentale.
Sulla pagina di Pravi Sektor del social network VKontacte il 1 marzo è apparso un appello al terrorista ceceno Umarov a unirsi agli Ucraini, contro la Russia, così come gli Ucraini hanno aiutato i Ceceni. E Umarov non è uno qualsiasi, è il most wanted in Russia, accusato anche di attentati a civili come quello a metro di Mosca, ma anche nella lista dell’ONU . Il movimento ha poi detto di essere stato hackerato, racconta lo stesso post di RT che ne ha dato notizia.
Ebbene, Yarosh è l’autonominato vicepresidente del Consiglio per la Sicurezza e la Difesa organo che ha il compito di sviluppare la politica di sicurezza nazionale sul fronte interno ed estero.
Presidente è diventato Andriy Parubyic, coordinatore dei corpi di sicurezza volontaria della protesta. Già protagonista della Rivoluzione Arancione del 2004, nel 1991 aveva fondato insieme a Tyanhybok il Partito Nazional Socialista neonazista da cui poi è nato Svoboda mantenendo il motto “one race, one nation, one Fatherland” . Nel 2010 si è distinto per aver chiesto all’Europarlamento di riconsiderare la sua reazione negativa alla proposta – presentata qualche tempo prima dal presidente filo-occidentale Yushenko – di proclamare Stepan Bandera eroe nazionale dell’Ucraina.
Il nuovo governo provvisorio sotto la presidenza Yatsenyuk (del partito Fatherland) ha assegnato a Svoboda e all’Ala Destra del Pravy Sektor vari ministeri e posti chiave che assicurerebbero loro il controllo di Forze Armate, Polizia, Giustizia e Sicurezza Nazionale (vedi Global Research). E il primo atto è stato l’abolizione del russo come seconda lingua ufficiale ucraina.

Non stupisce che gli ukraini del sud est e della Crimea, di lingua russa e filo russi, siano a loro volta scesi in strada e abbiano preso le loro misure. Chiaramente spalleggiati dalla Russia di Putin che le loro preoccupazioni condivide. Né stupiscono richieste affinché “Il nuovo governo rassicuri la comunità ebraica”, come l’ HuffingtonPost Usa titola un post molto documentato. (E il leader di Svoboda ha voluto recentemente incontrare dei rappresentanti di Israele, mentre militari dell’esercito israeliano di origine ucraina, arrivati a Kiev per dare una mano – gli Elmetti Blu di Maidan – non esitano a dire di aver seguito gli ordini di Svoboda.
Ma le preoccupazioni vanno oltre la Russia e i rapporti con l’Occidente – come segnalava International Business Times già a gennaio, prima delle violenze più gravi e del precipitare degli eventi.
Il partito Svoboda è legato ad altri gruppi di estrema destra in Europa attraverso l’ Alliance of European National Movements, fondata nel 2009, che comprende fra gli altri il BNP- British National Party e Jobbik, il partito neofascista e anti-semita dell’Ungheria, la Fiamma Tricolore, il National Front del Belgio, il National Democrats svedes più vari altri ultradestri di Lituania, Polonia, Romania ecc. Ne faceva parte anche il Front National di Marine Le Pen che nel 2001, quando ha dato al suo partito un aspetto più rispettabile ha lasciato l’Alleanza per l’European Alliance for Freedom di cui fa capo anche l’UKIP inglese.
Che conseguenze può avere per l’Europa questo coagularsi di queste forze non solo euroscettiche ma ultranazionaliste, razziste, anti immigrati, antiabortiste e via dicendo?
Cosa ne pensano gli europei e i loro rappresentanti politici dell’appoggio Occidentale a questi partiti estremisti di destra in Ucraina? Cosa ne pensano i socialisti europei del Pse?
Qualche giorno fa all’Europarlamento Martin Schulz – che oltre a essere candidato del Pse è anche presidente dell’assemblea europea – è apparso assai imbarazzato davanti alle domande provocatorie di Natalia Vitrenko, riferiscono vari blog italiani.
L’economista ucraina, leader del Partito Socialista progressista Ucraino, il 25 gennaio scorso insieme a rappresentanti di 29 partiti e organizzazioni ucraine aveva lanciato un appello al segretario dell’ONU, ai dirigenti UE e agli Stati Uniti per fermare i saccheggi e l’incitamento alla guerra civile da parte dei guerriglieri, e mettendo in guardia dal sostenere le loro azioni: “di fatto state proteggendo e istigando i neonazisti e i neofascisti ucraini”.
Nei giorni scorsi faceva parte della delegazione del Partito Socialista Progressista a Bruxelles. “Il mio partito viene attualmente perseguitato” ha detto Vitrenko, assieme a tutte le forze e gli individui disapprovati dalle forze “neonaziste e terroriste” armate che controllano Maidan e il Parlamento. Gli esponenti politici e le loro famiglie vengono minacciati, le sedi assaltate e bruciate. “Questi neonazisti sono forse espressione dei valori europei?”, ha chiesto.
Schulz, visibilmente scosso, ha risposto che “stando alle mie informazioni, l’UE sta trattando con tutte le parti, compresa Svoboda”. Prendo molto sul serio la sua denuncia e indagherò, ha detto il Presidente del PE, dicendosi anche pronto a incontrare la Vitrenko separatamente.

Tratto da “La Stampa” del 22 maggio 2014


                          


lunedì 18 aprile 2022

GESTIONE E SOVRAGESTIONE DEL MONDO NELL' EPOCA DELLE POST-VERITA'



GESTIONE E SOVRAGESTIONE DEL MONDO NELL' EPOCA DELLE POST-VERITA'
CHI VUOLE LA GUERRA? 
di Simone Galgano
Pubblicato il 15 Aprile 2022 da IN ESERGO
https://www.inesergo.it/chivuolelaguerra.html

Le analisi della guerra in Ucraina formulate dai media riguardano i piani più visibili, nei quali l'opinione pubblica si divide, si alimentano le tifoserie, esistono ragioni e rapporti di forza tra superpotenze e nazioni che tutti accettano come unica narrazione possibile. Purtroppo, questa non è l'unica realtà. Non siamo in presenza di una verità assoluta: nell'epoca delle post-verità esistono anche livelli più sofisticati, complessi e trasversali, che riguardano ambienti che hanno tutto da guadagnarci dallo scontro in atto e che utilizzano il corso degli eventi per cambiare assetti politici, geopolitici, macroeconomici, eterodirigendo e strumentalizzando le fazioni in campo.
Esiste una sovragestione del reale che prescinde dalle nostre conoscenze. Questa sovragestione è transnazionale e post-ideologica: plasma i soggetti coinvolti più o meno direttamente. Il fatto di essere in guerra non esclude che i nemici siano in qualche modo e per varie ragioni concordi e alleati ad altri livelli. Siamo quindi in presenza di interessi comuni e condivisi che trascendono la narrativa ufficiale. La Nato, avversaria e nemica di Putin, è perfettamente consapevole di ciò che sta accadendo, lo è sempre stata e anche pubblicamente sembra far di tutto per favorire il perdurare delle ostilità, soffiando sul fuoco e paventando scenari allargati quasi fossero ineluttabili. Non solo. La Nato appoggia e favorisce indirettamente, con la sua pelosa ipocrisia, l'intervento russo perché fa comodo che si consolidino e ridisegnino due blocchi contrapposti, con un’Europa sempre più debole, dipendente e desovranizzata, che funga da grande cuscinetto tra le due civiltà occidentale e orientale.

È come se fossero due mondi paralleli eppure intimamente connessi, ognuno con le sue logiche, i suoi linguaggi, i suoi simboli: una Terra Di Sopra e una Terra Di Sotto volendo rimandare all’ottimo lungometraggio Upside Down di Juan Solanas. Due diversi livelli del potere, entrambi reali, ma con una prospettiva divergente e, soprattutto, complementari tra loro. La gestione pandemica ha posto in essere un’esemplare azione planata dall'alto, grazie alla quale tutti gli attori in campo sono andati nella medesima direzione, ogni paese con i suoi lockdown, con le sue soluzioni, quasi tutte simili, comprese quelle eccezioni, talvolta perseguite, che hanno confermato la regola generale. Un test planetario che ci ha presi per mano, una delega in bianco al pensiero dominante verso l'accettazione del nuovo che avanza e dell’assioma che “nulla sarà come prima”.
Il fatto che la Nato fosse a conoscenza da più di dieci anni della possibilità di un intervento militare russo in Ucraina è una prova più che fattuale di quelle che io chiamo convergenze parallele; ugualmente, le manovre di tutti i grandi speculatori poco prima dell'invasione sono un altro segnale forte e tangibile di una sacra alleanza finalizzata a riscrivere l’ordine globale, anche con le forzature di guerre e conflitti armati che i popoli vedono e percepiscono solo nei piani bassi del sistema. La sovragestione, in quanto contenitore di un network globale di bisogni talvolta sovrapponibili, ha interesse che si rafforzino dei falsi multilateralismi per creare un sistema tecno-liberista condiviso ovunque, a prescindere dai blocchi consolidati e dai retaggi passati di ogni cultura e tradizione locale.

In questa visione post-moderna, la sovragestione sta realizzando la sua più grande rivoluzione. Klaus Schwab, il filantropo che anticipò l'arrivo del virus, dei lockdown, della necessità di realizzare un reset generale del capitalismo per aggiornarlo, ci ricorda che a Davos il malvagio Putin veniva plasmato come sua creatura. Prova ne è che Putin sia affiliato alla stessa UR loggia della Sorella Merkel, la Golden Eurasia. I signori del mondo, che ai livelli bassi fanno i competitor, nei piani più alti sono in realtà Fratelli nelle stesse logge sovranazionali. Non è una coincidenza che questa guerra sia iniziata in concomitanza della presunta fine della pandemia e non è certo un caso che Putin abbia dato inizio alle danze appena dopo le dimissioni della cancelliera tedesca e in presenza di un avversario come Biden. Putin è un contraltare dell'occidente, ma contemporaneamente è interno a questo mondo e ha raggiunto certi livelli di potere perché, fin dall'inizio, ai piani alti faceva comodo.
Appartenere a un alveo latomistico di un certo rango ed essere anche il leader di una superpotenza non è una semplice casualità, ma significa che qualcuno della Terra di Sopra l'ha permesso per motivi spesso inconfessabili alla logica comune. Tale paradigma non si esaurisce solo nella declinazione più materiale, ma contiene anche motivazioni di carattere metafisico: una sacra alleanza avviene aderendo soprattutto a un’idea di potere, a uno schema condiviso, ma vanno tenuti in considerazione anche i piani sottili, dove si allestiscono forme pensiero utili sia per chi comanda (a mo’ di celebrazione di un rito che unisce e stabilisce i ruoli in campo), sia come liturgia da esercitare sulle popolazioni attraverso la psicologia di massa, per favorire e accelerare l'accettazione di dogmi e regole.

giovedì 14 aprile 2022

IL FANTASMA DEI PROTOCOLLI DI MINSK


Per chi non ha ancora capito cosa sta succedendo tra Russia ed Ucraina, per chi pretende di conoscere il film guardando solo gli ultimi 5 minuti, è utile la lettura dei 12 punti del Protocollo di Minsk 1 e dei 13 punti di Minsk 2, accordi che non sono mai stati rispettati.
I media non ne parlano mai volutamente, perché questa è la chiave di volta per comprendere la scelta del conflitto da parte di Putin.

Il Protocollo di Minsk era un accordo per porre fine alla guerra dell'Ucraina orientale, raggiunto il 5 settembre 2014 dal Gruppo di Contatto Trilaterale sull'Ucraina, composto dai rappresentanti di Ucraina, Russia, Repubblica Popolare di Doneck (DNR) e Repubblica Popolare di Lugansk (LNR). È stato firmato dopo estesi colloqui a Minsk, la capitale della Bielorussia, sotto l'egida della Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).
Succeduto a diversi tentativi precedenti di cessare i combattimenti nella regione di Donbass (Ucraina orientale), prevedeva un cessate il fuoco immediato, lo scambio dei prigionieri e l'impegno, da parte dell'Ucraina, di garantire maggiori poteri alle regioni di Doneck e Lugansk. Tuttavia, nonostante abbia portato ad un'iniziale diminuzione delle ostilità, l'accordo non è stato rispettato.
L'accordo è stato formulato dal Gruppo di contatto Trilaterale sull'Ucraina, composto da rappresentanti di Ucraina, Russia e l'OSCE. Il gruppo è stato creato nel mese di giugno come un modo per facilitare la risoluzione dei conflitti in Ucraina orientale e meridionale. Le riunioni del gruppo, insieme con i rappresentanti informali delle repubbliche secessioniste di Doneck e di Lugansk, si sono svolte nel 31 luglio, il 26 agosto, il 1º settembre e il 5 settembre. I dettagli dell'accordo siglato il 5 settembre assomigliano in gran parte al piano di pace di 15 punti proposto dal presidente ucraino Porošenko il 20 giugno. 
I seguenti rappresentanti hanno firmato il documento:
L'inviata speciale svizzera e rappresentante dell'OSCE: Heidi Tagliavini;
L'ex presidente dell'Ucraina e rappresentante ucraino: Leonid Kučma;
L'ambasciatore russo in Ucraina e rappresentante russo: Mikhail Zurabov;
I leader delle Repubblica Popolare di Doneck (DNR) e Repubblica Popolare di Lugansk (LNR): Aleksandr Zacharčenko e Igor' Plotnickij.

Protocollo di Minsk 1:
1- Assicurare un cessate il fuoco bilaterale immediato.
Garantire il monitoraggio e la verifica del cessate il fuoco da parte dell'OSCE.
2- Una decentralizzazione del potere, anche attraverso l'adozione di una legge ucraina su "accordi provvisori di governance locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk ("legge sullo status speciale").
3- Garantire il monitoraggio continuo della frontiera russo-ucraina e la loro verifica da parte dell'OSCE, attraverso la creazione di zone di sicurezza nelle regioni di frontiera tra l'Ucraina e la Russia.
4- Rilascio immediato di tutti gli ostaggi e di tutte le persone detenute illegalmente.
5- Una legge sulla prevenzione della persecuzione e la punizione delle persone che sono coinvolte negli eventi che hanno avuto luogo in alcune aree delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk, tranne nei casi di reati che siano considerati gravi.
6- La continuazione del dialogo nazionale inclusivo.
7- Adozione di misure per migliorare la situazione umanitaria nella regione del Donbass, in Ucraina orientale.
8- Garantire lo svolgimento di elezioni locali anticipate, in conformità con la legge ucraina (concordato in questo protocollo) su "accordi provvisori di governo locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk" ("legge sullo statuto speciale").
9- Rimozione di gruppi illegali armati, attrezzature militari, così come combattenti e mercenari dal territorio dell'Ucraina sotto la supervisione dell'OSCE.
10- Disarmo di tutti i gruppi illegali.
11- Adozione dell'ordine del giorno per la ripresa economica e la ricostruzione della regione di Donbass, in Ucraina orientale.
12- Garantire la sicurezza personale dei partecipanti ai negoziati.

Protocollo di Minsk 2:
Il Protocollo di Minsk II, conosciuto anche come Minsk II o MinskII, è un accordo, stipulato nel vertice tenutosi a Minsk l'11 febbraio 2015, tra i capi di Stato di Ucraina, Russia, Francia e Germania: il processo negoziale che era iniziato l'anno prima nella stessa città portò all'approvazione di un pacchetto di misure per alleviare l'ancora in corso guerra del Donbass.
L'iniziativa del Quartetto Normandia ridiede impulso al negoziato da loro stessi inaugurato propiziando il primo Protocollo di Minsk, siglato il 5 settembre 2014. Per l'attuazione del primo protocollo si era scelto di valorizzare il canale del Gruppo di Contatto Trilaterale sull'Ucraina, con il coinvolgimento dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE): eppure fu dopo il crollo del "cessate il fuoco" del Protocollo di Minsk, nel gennaio-febbraio 2015, che le discussioni tra i Quattro portarono ad un accordo, supervisionato dall'OSCE.

Il testo del protocollo è composto da 13 punti:
1- Assicurare un cessate il fuoco bilaterale immediato dal 15 febbraio 2015.
2- Ritiro di tutti gli armamenti pesanti allo scopo di creare una zona di sicurezza tra entrambe le parti, di 3- 50 km per artiglierie (di calibro superiore a 100 mm), di 70 km per sistema lanciarazzi multipli e di 140 km per versioni di questi ultimi a lunga gittata (9A53 Tornado, BM-27 Uragan e BM-30 Smerch) e per sistemi missilistici tattici OTR-21 Točka. In tale processo è prevista la collaborazione dell'OSCE con l'assistenza del Gruppo di Contatto Trilaterale sull'Ucraina.
4- Consentire all'OSCE l'effettiva osservazione e la verifica del regime del cessate il fuoco e del ritiro degli armamenti pesanti.
5- Il primo giorno dopo il ritiro, iniziare la discussione sulle modalità di conduzione delle elezioni locali e sulla futura forma di governo di alcune aree delle regioni di Donetsk e Lugansk. Entro 30 giorni dalla firma del protocollo il parlamento ucraino deve deliberare quali sono le aree soggette alla futura forma di governo.
6- Prevedere con legge la grazia e l'amnistia e la proibizione di inchieste penali e condanne per coloro coinvolti negli eventi avvenuti nelle aree autonome delle regioni di Donetsk e Lugansk.
7- Effettuare la liberazione e lo scambio di tutti i prigionieri e di coloro che sono stati illegalmente arrestati.
8- Garantire l'accesso sicuro, la consegna, lo stoccaggio e la distribuzione di aiuti umanitari.
9- Stabilire le modalità per il pieno ripristino delle relazioni socio-economiche, inclusi inter alia il pagamento di sussidi e pensioni.
10- Ripristino del pieno controllo da parte ucraina del confine di Stato lungo tutta la zona di conflitto che deve aversi dal primo giorno dalla conduzione delle elezioni locali.
11- Ritiro di tutte le formazioni armate straniere, inclusi i mercenari, e dei veicoli militari. Disarmo di tutti i gruppi illegali.
12- Effettuare la riforma costituzionale in Ucraina attraverso l'entrata in vigore, entro la fine del 2015, della nuova costituzione che preveda come elemento cardine la decentralizzazione e prevedere una legislazione permanente sullo status speciale delle aree autonome delle regioni di Donetsk e Lugansk che includa, inter alia, la non punibilità e la non imputabilità dei soggetti coinvolti negli eventi avvenuti nelle citate aree, il diritto all'autodeterminazione linguistica, la partecipazione dei locali organi di autogoverno nella nomina dei Capi delle procure e dei Presidenti dei tribunali delle citate aree autonome.
13- Discutere e concordare le questioni relative alle elezioni locali con i rappresentanti delle aree autonome delle regioni di Donetsk e Lugansk nell'ambito del Gruppo di contatto trilaterale in base a quanto previsto dalla legge ucraina sulle modalità dell'autogoverno locale nelle aree autonome delle regioni di Donetsk e Lugansk. Le elezioni saranno condotte con l'osservanza degli standard OSCE e l'osservazione dell'Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani dell'OSCE.
Intensificare l'attività del Gruppo di contatto trilaterale anche attraverso la creazione di gruppi di lavoro per l'attuazione dei vari aspetti degli accordi di Minsk.

L'Ucraina non ha rispettato gli accordi di Minsk: la questione della mancata revisione costituzionale e della "Nuova Costituzione":
di Daniele Trabucco

Si tratta dell'articolazione territoriale di I livello secondo l'ordinamento costituzionale interno. Dopo la proclamazione dell'indipendenza delle due Repubbliche di Donetsk e Lugansk nel 2014, riconosciute ufficialmente dal Presidente russo, Vladimir Putin, cui è seguita la ratifica del Consiglio della Federazione e l'approvazione con voto unanime della Duma di Stato dei rispettivi Trattati di amicizia, assistenza e mutuo soccorso (validità dieci anni con proroga automatica ogni cinque), si era cercato di risolvere la situazione bellica nell'Ucraina orientale sul piano diplomatico con i cosiddetti "accordi di Minsk".
Il primo (il Minsk I) è stato firmato nel settembre 2014 e prevedeva, riguardo alla parte politica, il riconoscimento di una maggiore autonomia alle due Repubbliche mediante il ricorso alla revisione costituzione, mentre il secondo (il Minsk II) del febbraio 2015 si spingeva oltre, stabilendo, addirittura attraverso una "nuova Costituzione", la base per una legislazione permanente sullo status speciale delle aree autonome delle Regioni di Donetsk e Lugansk volto ad includere, inter alia, la non punibilità e la non imputabilità dei soggetti coinvolti negli eventi avvenuti nelle citate aree, il diritto all'autodeterminazione linguistica, la partecipazione dei locali organi di autogoverno nella nomina dei Capi delle procure e dei Presidenti dei Tribunali delle citate aree autonome.

In particolare, per il Cremlino vanno prima attuate le disposizioni politiche e poi quelle militari, per l'Ucraina il contrario. Non è questa la sede per affrontare la natura giuridica degli accordi (atti interni, Trattati internazionali, strumenti di natura giuridica mista), tuttavia il dato evidente è la mancanza di volontà, da parte ucraina, di fornire un'adeguata tutela alla popolazione russofona del Donbass, dopo le proteste che portarono alla cacciata di Yanukovych a fine febbraio 2014, con partiti ed esponenti politici filo-russi fortemente osteggiati.
La Federazione Russa, peraltro, intende evitare una adesione dell'Ucraina alla Nato, perché questo significherebbe che gran parte del confine occidentale dell'ex U.R.S.S. sarebbe presidiato dall'Alleanza Atlantica. Dopo il 1997, infatti, vi hanno aderito Lettonia, Lituania, Estonia, Polonia, Romania e Bulgaria eppure, a seguito della caduta del muro di Berlino nel 1989, i leader dei maggiori paesi della Nato avevano promesso a Mosca che l’Alleanza non sarebbe avanzata verso Est "neppure di un centimetro".
Una promessa smentita dai fatti e troppo presto dimenticata.