mercoledì 21 dicembre 2011

SERPICO ED I NUOVI CALCOLATORI ORWELLIANI...


IL MERAVIGLIOSO FILM ROLLERBALL SPIEGAVA FIN TROPPO BENE COME SAREBBE CAMBIATO IN PEGGIO IL NOSTRO CARO MONDO, COME LE CORPORATION AVREBBERO PRESO IL POTERE IMPONENDO UN REGIME FASCISTA TECNORATICO MONDIALISTA.
IL FRAMMENTO VIDEO DEL FILM CHE HO POSTATO SOPRA, DESCRIVE IRONICAMENTE, COME LA SOCIETA' ABBIA ABDICATO LA MEMORIA STORICA IN FAVORE DI UN SUPER CONTROLLORE QUANTICO CHE FA LE VECI DEL NOSTRO CERVELLO E DEI LIBRI BANDITI DAL SISTEMA... UNA SOCIETA' SENZA MEMORIA CHE SI AFFIDA AL TOTEM TECNOLOGICO, UNICO DETENTORE DEL SAPERE, UNICO DETENTORE DEL CONTROLLO, STRUMENTO IN PRIMIS MILITARE MA ANCHE RELIGIOSO...
SE ANALIZZIAMO L'EVOLUZIONE INFORMATICA DEGLI ULTIMI 30 ANNI, POSSIAMO NOTARE E CAPIRE COME IL SISTEMA CI STIA ABITUANDO AD AMARE LA TECNOLOGIA, FACENDOCELA ADORARE COME UN FETICCIO, UN IDOLO MODERNO...
LA DIPENDENZA PSICOLOGICA DA MONITOR E' QUALCOSA DI REALE, DI SESSUALE, DI GENITORIALE ED AL TEMPO STESSO ALIMENTA IL NOSTRO DELIRIO DI ONNIPOTENZA, RELEGATO PERO' DENTRO LE MURA DI CASA, NEL SENSO CHE RIMANE ILLUSORIO E VIRTUALE, COME UNA SORTA DI PRIGIONE SENZA SBARRE, DI PRIGIONE DELLA MENTE...

SARA' DIFFICILE NEL FUTURO PROSSIMO VENTURO TORNARE A LEGGERE COME SI FACEVA UN TEMPO, PERCHE' MENTRE IL RAPPORTO TATTILE CON LA CARTA E CON LA MATERIALITA' DEL FOGLIO E DEL SUO PROFUMO CI TENEVA VIVI E CONSAPEVOLI, L'ASTRAZIONE PROIETTATA, SEMPRE DI NATURA RELIGIOSA, CI ALLONTANERA' SEMPRE PIU' DALL'AUTOCOSCIENZA E DALLA CONSAPEVOLEZZA INDIVIDUALE, DALLA CONOSCENZA VERA...
NEI COSTUMI E NEL CIBO OGM ED INDUSTRIALE ABBIAMO GIA' AVUTO QUESTA INVOLUZIONE...
SARA' DIFFICILE CRITICARE LA MODERNITA' NEL FUTURO PROSSIMO VENTURO, SAREMO CONSIDERATI OBSOLETI CONSERVATORI ANCHE DA COLORO CHE SI SENTIRANNO PROGRESSISTI, E SARA' PRASSI AFFIDARE LA NOSTRA MEMORIA, I NOSTRI DESIDERI E LA NOSTRA PSICHE AL COMPUTER ZERO...
FATE MENTE LOCALE A "ZERO", PAROLA USATA COME SLOGAN DAL 2001 IN POI, CHE STABILISCE UN PUNTO DI VISTA NUOVO DEL REGIME, UN NUOVO INIZIO, TABULA RASA: ANNOZERO, COCOCOLA ZERO, ZERO INTERESSI, PROBLEMI ZERO... FORMULE ASSIMILATE ED INDOTTE DALLE MODE LINGUISTICHE MAINSTREAM DA 10 ANNI A QUESTA PARTE...

NEL FILM VIENE ANALIZZATA LA SOCIETA' FUTURA IN TERMINI SOLO APPARENTEMENTE FANTAPOLITICI, QUANDO INVECE, LA NOSTRA DI SOCIETA' STA ATTRAVERSANDO IN MANIERA SCIENTIFICA ED ANALITICA PROPRIO TUTTI QUESI PASSAGGI CHE IL FILM STESSO DESCRIVE, AGGIUNGO IO, IN TERMINI NEOREALISTI...
E' INCREDIBILE NOTARE LE SIMILITUDINI CON QUELLO CHE STA ACCADENDO OGGI NEL MONDO... LA REALTA' ODIERNA SEMBRA IL PREQUEL DEL FILM IN QUESTIONE...
SEMBRA DESCRIVERE COSA ACCADDE PRIMA DELLA STORIA DEL FILM...
ANCORA UNA VOLTA LA FANTASIA NON SUPERA LA REALTA', MA SI LIMITA AD ANTICIPARLA, PERCHE' SE LA CREATIVITA' E' RESA LIBERA, OGGI NON SIAMO PIU' NEGLI ANNI 70 ED HOLLYWOOD E' COMPLETAMENTE AZZERATA QUALITATIVAMENTE PARLANDO ESSENDO SOLO VELINA DELLA NASA, DELLA DISNEY E DEL GOVERNO, PUO' DESCRIVERE MINUZIOSAMENTE QUELLO CHE ACCADRA' MOLTO MEGLIO DI UN NOVELLO NOSTRADAMUS...
ORWELL FU UNO DEI PRIMI A DESCRIVERE GLI SCENARI FUTURI DEL MONDO E LE SUE INVOLUZIONI, MA ANCHE LO STESSO ORSON WELLS, KUBRICK E POLANSKY RESERO
OMAGGIO  A QUESTA TENDENZA ILLUMINATA ED ILLUMINANTE, DENUDANDO IL RE E PAGANDO DI PERSONA...

LA TECNOLOGIA CHE IL GOVERNO MONTI HA DECISO DI UTILIZZARE AL MEGLIO CON IL SUPER COMPUTER SER.PI.CO, VA OVVIAMENTE IN QUESTA DIREZIONE, ANCHE SE VERRA' SPACCIATA COME STRUMENTO UTILE ED ANZI POPOLARE CONTRO I GRANDI EVASORI, DIMENTICANDOSI CHE I GRANDI EVASORI SONO NEGLI STESSI PIANI ALTI DEI PADRONI DELLA TENCOLOGIA IN QUESTIONE E CHE NON AVRANNO PROBLEMI AD ELIMINARE DALLA LISTA NERA CON UN CLICK QUALCHE NOME SCOMODO, QUALCHE TRANSAZIONE ILLECITA, RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO E QUANT'ALTRO, SENZA CONSIDERARE CHE BASTERA' FAR USCIRE I DANARI IN PARADISI FISCALI APPARTENENTI AGLI STESSI POTERI CHE HANNO FINANZIATO IL SUDDETTO CALCOLATORE...

IN REALTA', QUESTO E' IL PRIMO PASSO FONDANTE DEL NUOVO IMPERO CHE AVANZA, QUESTO E' SOLO L'INIZIO, DOPO CI SARANNO I LIBRI DIGITALI CHE NESSUNO PIU' LEGGERA' PERCHE' OGGETTIVAMENTE SCOMODI, UNA VOCE DELL'INFORMAZIONE UNICA, UNA SOLA TENDENZA CULTURALE, UNA SOLA BANCA ON LINE, MAGARI I MICROCHIP DI ICKE CHE CI REGALEREMO A NATALE, LE TELECAMERE IN CASA COME NEL FILM BRAZIL E VIA DICENDO...
POI SI INIZIERA' DAL BASSO A DISTRUGGERE I PARTITI, CI STA PENSANDO CULTURALMENTE GRILLO E LA CASALOGGIA, CHE SEMBREREBBE ANCHE BUONA COSA DA FARE, MA INVECE, ANALIZZANDO MEGLIO LA QUESTIONE E LE APPARTENENZE DI TALI PERSONAGGI CON LE LORO SOLUZIONI REAZIONARIE, L'OPERAZIONE CULTURALE SIGNIFICHERA' NEI FATTI ABOLIZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEMOCRATICA CHE PER QUANTO LIMITATA E DIFETTOSA, AVEVA E DAVA PALETTI AL POTERE, E  LA VOLONTA' DI TRASMUTARLA IN DEMOCRAZIA VIRTUALE, CON SCIOPERI VIRTUALI, REFERENDUM VIRTUALI E ALLA FINE, AGGIUNGO GIUSTAMENTE PER NOSTRA COGLIONERIA, CON STIPENDI VIRTUALI...

I CASALOGGIA INFATTI ERANO ORIGINARIAMENTE DELLA TELECOM ITALIA, GRUPPO  VICINO ALLA SOGEI DETENTORE DEL SUPER COMPUTER SER.PI.CO, ORGANO DELLA CIA E AFFILIATO ALLA P2, QUINDI TUTTI  RIUNITI DA MONTI AI COSIDDETTI ALTERNATIVI, NELLA DISTRUZIONE DELLA PRIVACY, NEL CONTROLLO CAPILLARE TECNOLOGICO, NELL'INDUZIONE DI GUSTI E SCELTE, NELL'ABOLIZIONE FUTURA DEI LIBRI, DEL DIRITTO D'AUTORE CHE POI SARA' DI PROPRIETA' DELLE CORPORATION ALLA FACCIA DEI FINTI LIBERTARI, DELL'INDIVIDUALITA' RESA NUMERO E CODICE NUMERICO, INSOMMA CI VOGLIONO TUTTI BAMBOCCIONI IN UNA COMUNITA' VIRTUALE, VOGLIONO SEPARARE LA VITA REALE DA QUELLA VIRTUALE RELEGANDOCI IN QUEST'ULTIMA, FACENDOCELA AMARE COME FOSSE UNO ZUCCHERINO PER I CAVALLI, DOVE LE PATOLOGIE MENTALI POTRANNO FINALMENTE EMERGERE E POTREMO ESSERE CICIOLINA E NAPOLEONE AL TEMPO STESSO...
DI PARI PASSO ARRIVANO LE NUOVE MODE DEL PRECARIATO CHE OGGI VOGLIONO ACCELLERARE QUESTO PROCESSO FASCISTA, ELIMINANDO L'ARTICOLO 18 RENDENDOCI TUTTI NEO-SCHIAVI, AZZERANDO LE CONQUISTE SINDACALI FATTE CON IL SANGUE, TRAMITE UN MARCHIONNE DI TURNO, IL CUI STIPENDIO BASTEREBBE A SALVARE 3 AZIENDE FIAT SENZA CHE I LAVORATORI SIANO LICENZIATI...
CAPITE L'ASSURDO, VE LO SPACCIANO COME RISPARMIO, QUANDO INVECE RAPPRESENTA SOLO LA TENDENZA DI AGGIORNARE IL SISTEMA, ELIMINANDO LE VECCHIE ED OBSOLETE STRUTTURE LAVORATIVE CHE NON AVRANNO PIU' SENSO DI ESISTERE IN QUANTO NESSUNO IN FUTURO CONSUMERA' PIU', QUANDO IL POTERE SARA' CENTRALIZZATO COME IN ROLLERBALL, MA GIA' ORA NESSUNO COMPRERA' PIU' MACCHINE SENZA PIU' SOLDI, AGGIUNGO IO, FINALMENTE, ALMENO IN QUESTO CASO...
LO STIPENDIO ABNORME DEL FRATELLO GESUITA NERO MARCHIONNE, RAPPRESENTA APPUNTO IL FATTO CHE I SOLDI NON C'ENTRANO NULLA, BISOGNA TAGLIARE PERCHE' SIAMO IN PROCINTO DI UN NUOVO ASSETTO INDUSTRIALE, ECONOMICO, CULTURALE E RELIGIOSO...
IL SISTEMA DEVE ESSERE AGGIORNATO, SIAMO AL SOFTWARE "MONTI.ZERO"...

INFATTI, ECCO IL PENSIERO NEWAGE DAR MAN FORTE A QUESTA CRIMINALE TENDENZA, PENSIERO CONSOLATORIO PER I NEO-DISOCCUPATI CHE TEORIZZA DI SMETTERE DI LAVORARE, VIVERE DI PRANA O CON POCO E FARSI UN BEL PODERE DA RISTRUTTURARE CON ORTO ANNESSO, CHE SAREBBE ANCHE BELLO SE NON SI CONSIDERA IL FATTO CHE NON TUTTI POSSONO PERMETTERSELO, NON 60 MILIONI DI ITALIANI...
POTREBBE RAPPRESENTARE UN BEL PROGETTO DI VITA INDIVIDUALE, MA RIMANE UN BEL PENSIERO ARISTOCRATICO ED ELITARIO, ESCLUSIVO E NON CERTO POPOLARE ED ALLA PORTATA DI TUTTI, ERGO NON RISOLUTIVO, LE SOLITE PEZZE AL CULO PER INTERDERCI O RISOLUTIVO PER CHI HA LA FORTUNA DI POSSEDERLO E DI VIVERE DI RENDITA...

TUTTE LE TENDENZE CULTURALI NEORELIGIOSE, INTERNIANE, SOCIALI, VANNO IN DIREZIONE DELL'ISOLAMENTO, DELLA DIPENDENZA E DELL'ACCETTAZIONE DEL SISTEMA, ANCHE SE MOLTI PENSANO ERRONEAMENTE DI COMBATTERLO...
UNICO COMUN DENOMINATORE CHE LEGA IL VEGETARIANO CHE VIVE DEL SUO ORTO NEL CASOLARE AL BANCHIERE MASSONE DELLA CITY SARA' E GIA' LO E', LA TECNOLOGIA, ENTRAMBI SARANNO DAVANTI AD UN MONITOR E DIPENDERANNO DA ESSO...
MOLTO MEGLIO DI UN PROFILATTICO, IL MONITOR, SIA ESSO LA TV O UN PC, RAPPRESENTERA' LA NOSTRA IMPLOSIONE CULTURALE, SARA' LA NOSTRA TOMBA...

TOGLIETEMI TUTTO MA NON IL MIO MONITOR...
PS: CHE MI RICORDA TANTO IL MONOLITE DI KUBRICKIANA MEMORIA...
:-)

MDD


DOPO IL NOTO VIDEO IMBARAZZANTE DEL FUTURO CHE CI ATTENDE DEGLI ALTERNATIVI ED INDIGNADOS EX TELECOMINI DELLA CASALOGGIA, VIDEO CHE FINISCE CON UN BEL LOGO DELTA MASSONICO CON ANNESSO OMARINO IMPOTENTE NEUTRO AL CENTRO, SEGUE LA DESCRIZIONE DEL NUOVO SUPER SBIRRO VIRTUALE DAL NOME SER.PI.CO...DETTO IL CALCOLATORE ZERO...

SERPICO BY SOGEI:
- Una vera e propria arma letale nella lotta all’evasione. L’Italia mette in campo “Serpico”.
Il primo gennaio 2012 è il D-Day della guerra contro i furbetti del fisco.
Il giorno – così si augura il governo Monti – della svolta. Il segreto bancario non esisterà più.
Archiviati i botti di San Silvestro (o quando saranno raggiunti gli accordi con le banche e gli intermediari finanziari) i nostri conti correnti, i titoli che abbiamo in banca e tutte le nostre operazioni sopra i mille euro saranno un libro aperto per l’Erario.
E a rastrellare questi dati per mettere nel mirino chi muove milioni senza dichiarare un centesimo sarà Serpico. Non Frank, l’inflessibile super-poliziotto newyorchese reso immortale da Al Pacino, ma il maxi-cervellone da un milione di miliardi di byte di memoria che ronza 24 ore su 24 nei sotterranei romani della Sogei.

È lui – il Grande fratello dell’Agenzia delle entrate – il jolly del Belpaese per far fare il salto di qualità alla lotta ai furbetti del fisco. Duemila server stipati in meno di duemila metri quadri che conoscono al centesimo tutti i nostri segreti finanziari. Un super-eroe con il cervello di silicio cui è affidata un missione fondamentale per salvare le casse tricolori: quella d’acchiappa-evasori.
Obiettivo: utilizzare le 22.200 informazioni al secondo che transitano dai suoi processori per stanare gli italiani che ogni anno sottraggono all’erario qualcosa come 120 miliardi (3mila euro a contribuente), una cifra che da sola basterebbe a pagare gli interessi su tutto il nostro debito pubblico.

Il curriculum vitae di Serpico – acronimo di Servizi per i contribuenti – è già più che onorevole: da cinque anni a questa parte ha dato un contributo sostanziale per raddoppiare da 5 a 11 miliardi le cifre recuperate dall’Erario e smascherare 350mila evasori totali. Ecco come funzionerà l’acchiappa-evasori della Laurentina quando da Capodanno avrà a disposizione il suo nuovo arsenale di dati.
Un tesoro in byte. Visto così, alla prima schermata, Serpico pare una creatura innocua.
Qualche campo da riempire, sfondo turchese e due caselle chiave: codice fiscale o partita Iva.
Basta digitare uno dei due valori però, e il Grande Fratello del fisco mostra subito i muscoli.
La seconda videata è solo l’antipasto. Nome e cognome del contribuente, più le sue ultime cinque dichiarazioni dei redditi. Un “invio” e si va oltre.
Scavando in pochi millesimi di secondo tra tutte le banche dati collegate online con l’Einstein della Sogei (catasto, demanio, motorizzazione, Inps, Inail, dogane, registri) il pc alza il tiro: sul megaschermo appaiono le auto intestate, le case, i terreni, eventuali aerei e barche.
Un altro invio, la schermata vira in blu, e il servizio è completo. Serpico ha scovato tutte le nostre utenze (luce, gas, acqua) le spese voluttuarie più alte e significative, le polizze assicurative, le operazioni per cui ci è stato chiesto il codice fiscale, persino le iscrizioni in palestra o allo Yacht club Costa Smeralda.

La quinta schermata, il bazooka come lo chiamano in Sogei, è figlia del Salva Italia ed è in fase di preparazione. Fotografati i redditi dalla dichiarazione, censiti i principali beni immobiliari, l’occhio del cervellone fotograferà i soldi che teniamo in banca, i movimenti dei nostri conti correnti e le operazioni sopra i mille euro. Le banche e gli intermediari finanziari manderanno una nota periodica e lui elaborerà per segnalare le eventuali anomalie.
Una rivoluzione visto che il controllo dei conti correnti era consentito fino ad oggi solo se sul singolo contribuente era già in corso un controllo.
Il faro sui sospetti. Nessun essere umano, naturalmente, è in grado di gestire la valanga di dati che piove ogni giorno nel sotterraneo a due passi dalla Laurentina.
Serpico macina quasi 31 milioni di dichiarazioni dei redditi, poco meno di 5 di comunicazioni Iva e quasi un centinaio di migliaia di pagamenti telematici all’anno.
L’Agenzia delle Entrate imposta gli algoritmi applicativi per concentrare la ricerca sulle categorie più a rischio. L’anno scorso è toccato alle finte Onlus e al redditometro, la spia che segnala la disponibilità di beni sproporzionati al reddito percepito.

Il lavoro sporco lo fanno i duemila server (che hanno un po’ di gemelli in Abruzzo per salvare il data-base in caso di problemi): incrociano i dati, verificano le anomalie. E quando individuano il sospetto mandano in automatico un “alert” informatico alla direzione dell’agenzia delle entrate e alla sede provinciale del caso individuato. Con un “bip” del computer il super-ispettore ha già scovato 518 proprietari di aerei e 42mila titolari di barche più lunghe di 10 metri che dichiarano meno di 20mila euro. Tutti finiti ora sotto accertamento.
Il Salva-Italia, ovviamente, moltiplica la sua efficacia.
Non tanto sul fronte del numero dei contribuenti passati ai raggi X, quanto rendendo più semplice isolare i casi a rischio evasione grazie alla fotografia in tempo reale dei loro conti correnti, delle loro spese e del loro patrimonio mobiliare.
La palla agli ispettori. La verà novità della manovra, dicono in camera caritatis tutti i super-esperti di fisco, è proprio qui. Nessuno andrà a ficcare il naso nelle tasche dei contribuenti fedeli, ma gli algoritmi di analisi di rischio di Serpico selezioneranno un elenco di presunti colpevoli (si spera) a basso tasso d’errore. Le vecchie lettere del redditometro di qualche anno fa, per dire, avevano incastrato solo 12mila evasori su 75mila cartelle erariali inviate.

Le cose già ora sono migliorate (su 30mila accertamenti con il redditometro nel 2010 ben 12mila si sono conclusi con un patteggiamento dell’interessato). Gli “alert” informatici usciti dai sotterranei della Sogei, dopo l’era delle cartelle pazze, dovrebbero partorire quella delle cartelle intelligenti.
E il lavoro dei 15mila ispettori delle Entrate e della Finanza – che nel 2010 ha scovato un evasore all’ora contro uno ogni 71 minuti del 2009 – dovrebbe essere molto più semplice, mirato ed efficace.
Lo stesso discorso vale per Gerico, il software con cui autonomi e partite Iva calcolano la congruità dei loro redditi con gli studi di settore (la media per la loro categoria d’attività).
Il timore che l’occhio lungo del fisco possa scoprire dai sotterranei della capitale i capitali evasi potrebbe convincere molti ad aumentare il tasso di fedeltà al fisco.
Anche perché il Salva-Italia ha introdotto norme che premiano le dichiarazioni più realiste inasprendo le pene (indagini finanziarie più sanzioni penali) per chi dichiara il falso.
E con sul collo il fiato di Serpico – così spera Monti e tutto il paese – non saranno in molti quelli che oseranno sfidare la sorte.

Marco De Santis, 20 dicembre 2011
BLOGTAORMINA

19 commenti:

  1. Mi permetto qui di riproporre un mio OT sul post precedente, perche' stavolta calza alla perfezione. Si tratta di una citazione di Proudhon, un signore (anarchico) di circa 150 anni fa, incredibilmente attuale specie quando parla di transazioni e movimenti spiati:
    "Essere governati significa essere controllati a vista, ispezionati, spiati, diretti, legiferati, regolamentati, pareggiati, indottrinati, pregati, controllati, soppesati, apprezzati, censurati, comandati; essere governati significa essere A OGNI OPERAZIONE, A OGNI TRANSAZIONE, A OGNI MOVIMENTO, annotati, registrati, recensiti, tariffati, timbrati, tosati, quotati, patentati, diplomati, autorizzati, ammoniti, impediti, riformati, raddrizzati, corretti. Significa essere messi a contribuzione, addestrati, taglieggiati, sfruttati, monopolizzati, concussi, spremuti, mistificati, derubati, repressi, multati, vilipesi, vessati, braccati, strapazzati, picchiati, disarmati, legati, imprigionati, fucilati, mitragliati, giudicati, condannati, deportati, sacrificati, venduti, traditi e come se non bastasse, presi in giro, beffati, disonorati".

    RispondiElimina
  2. Che prospettiva!o ci diamo una regolata ma molto in fretta o la vita diventerà il peggiore degli incubi! ZARA

    RispondiElimina
  3. Conte. Autogoverno ! MAGARI.....ma COME ????? Si dovrebbe comunque, a questo punto, tentare qualsiasi cosa.......tanto, PERSI PER PERSI !!! Certo che il meglio sarebbe fare qualcosa che non sia previsto da 'sti psicopatici......SORPRENDERLI !!! Lilith

    RispondiElimina
  4. Bell’articolo, che condivido in gran parte e dove si riscontra una volontà di vedere le cose nel suo insieme e non solo da una sola finestra, come diceva Lilith nel suo post precedente.
    Vorrei perciò tornare sul tema del signoreggio, proprio per sottolineare come sia difficile questo compito che ci siamo proposti.
    Non nego che ci sia gente che ingrassa con il signoraggio, e nemmeno nego che il signoraggio sia un problema, ma a mio parere si tratta di un problema marginale che in ambito dei teorici della cospirazione ha assunto immeritatamente il carattere di problema centrale, proprio perché si vuole guardare da una sola finestra.
    Per comprendere i processi in corso occorre avere un’idea chiara degli enti e delle forze in campo e lo studio della Storia è importante per capirne l’origine, la valenza e la natura , in modo da poterli inquadrare nella giusta prospettiva.
    Senza tornare troppo indietro nel tempo, troviamo una citazione “illuminante” di Luigi XIV, il Re Sole: “Lo Stato sono Io”.
    Dovremmo toglierci dalla testa una volta per tutte l'idea balzana che lo Stato siamo noi. Lo Stato è la somma delle istituzioni che governano una nazione, governate a loro volta da persone fisiche, non enti immaginari. Alcune sono elette dal popolo, altre da assemblee qualificate, ma in ogni caso il diritto moderno concede al cittadino di eleggere i propri rappresentanti, non di governare il paese.
    La tanto decantata Costituzione recita all'art. 1: La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. (cont)

    RispondiElimina
  5. Cosa significa? Significa che il popolo ha solo una sovranità limitata alle elezioni dei suoi rappresentanti, spesso pure ampiamente manipolata, ma alcuna sovranità reale, in quanto soggetto alle leggi dello Stato, varate dal parlamento. Il parlamento (potere legislativo) è quindi il depositario della sovranità, insieme ad altri soggetti non eletti direttamente dal popolo, quali il governo (potere esecutivo, eletto dal parlamento) e la magistratura (potere giudiziario).
    Intanto occorre essere precisi. La Banca d'Italia nasce nel 1936 come istituto privato di diritto pubblico, concetto ribadito dalla Cassazione in tempi recenti. Alla Banca d'Italia è stato dato l'onere di battere moneta fin da prima della sua costituzione, nel senso che lo Stato aveva demandato ad Istituti di Credito privati quest'onere fin dal 1928. La Banca d'Italia non è mai stata di proprietà dello Stato, se si esclude il 5% di azioni di proprietà INPS. La cosa a cui ti riferisci è l’esatto contrario di quanto sostieni e si svolse in 3 tappe: Prima tappa:la Legge n.82 del del 1992 sancisce che la decisione sul tasso di sconto è di competenza esclusiva del Governatore e non deve essere più concordata di concerto con il Ministro del Tesoro Seconda tappa: il Decreto Legislativo n. 43 del 1998, dove la Banca d'Italia viene separata dal Governo Italiano, per aderire al Sistema Bancario Europeo. Da questa data la quantità di moneta circolante viene decisa in autonomia dalla Banca Centrale. Terza tappa, nel 1999 in parlamento si discusse il Disegno di Legge N. 4083 “Norme sulla proprietà della Banca d'Italia e sui criteri di nomina del Consiglio superiore della Banca d'Italia”, con l’intento di far acquisire allo Stato tutte le azioni dell'istituto, ma non venne mai approvato.
    Il tentativo (fallito) non fu quello di privatizzare, come sosteneva AG, ma piuttosto quello di nazionalizzare la Banca d’Italia. (cont)

    RispondiElimina
  6. Da questo possiamo dedurre che la centralità del problema non è nella proprietà del soggetto, o da chi incassa i proventi del signoraggio, che comunque esisterebbe anche se ad incassarlo fosse lo Stato, ma la sovranità monetaria. La Banca d'Italia, in qualità di società di diritto pubblico, agiva a servizio dello Stato, il quale era il vero padrone della moneta e quindi il debito che lo Stato creava a pagamento del signoraggio della banca tornava allo Stato sotto forma di tasse, che la banca stessa doveva pagare. La circolazione monetaria era, in buona sostanza, un circuito chiuso e il debito dello Stato semplicemente un fattore contabile.
    Perché questo discorso? Per introdurre il concetto che la sovranità di un paese appartiene allo Stato, quindi a chi lo governa, sia in modo palese che in modo occulto. Non appartiene al cittadino, la cui sovranità è limitata all’elezione di alcuni rappresentanti. È lo Stato, attraverso le leggi, ad imporre la moneta corrente ed il sistema di distribuzione e circolazione monetaria. Alle leggi sulla moneta sono soggetti tutti, compresi i banchieri.
    Adesso arriviamo al punto cruciale. La crisi italiana non è una crisi economica, ma è determinata dalla perdita progressiva della sovranità dello Stato, quindi dei suoi governanti palesi ed occulti, espropriata dal sistema Europa. Lo Stato italiano deve rispondere a soggetti terzi delle proprie scelte e dei propri debiti, in una condizione di grande debolezza, che non ispira certo fiducia nei mercati, i quali reagiscono disinvestendo sulla propria esposizione. (cont)

    RispondiElimina
  7. A chi giova tutto ciò? Giova a grandi interessi privati soprannazionali, creatisi nel processo di globalizzazione dell’economia delle nazioni. Interessi di perone che possono in questo modo impadronirsi delle ricchezze di una nazione, non come scopo, ma come mezzo per sostituirsi agli attuali governanti locali, magari rilanciando nel creare un’unificazione che comprenda tutte le nazioni oggi esistenti ed avere il controllo globale, cioè il potere totale.
    Si tratta di una vera guerra, che si combatte in campo economico invece che in campo militare e come in tutte le guerre, l’obbiettivo è la conquista del potere, cioè l’acquisizione della sovranità, sottraendola ai soggetti che ora la posseggono.
    Noi siamo interessati a questo processo per due motivi fondamentali.
    Primo, perché nella sottrazione della sovranità è compresa la sottrazione di quella sovranità popolare, per quanto limitata, chiamata democrazia. Essendo il popolo uno degli enti sovrani, nella propria nazione, lo si colpisce riducendo i suoi componenti in uno stato di indigenza tale, da non aver più le forze di reclamare alcun diritto.
    Secondo, perché tutte le guerre sono a carico della popolazione, che non è responsabile di nulla, non avendo voce in capitolo, ma che si ritrova inevitabilmente a pagare il prezzo delle ambizioni altrui.
    La società umana è estremamente complessa ed ha implementato la propria complessità nel corso dei secoli. Dobbiamo però sempre considerare che, al suo interno, l’aspetto politico è sempre prevalente sull’aspetto economico. È l’aspetto politico che determina l’aspetto economico, non viceversa, come vorrebbero farci credere. Lo scopo delle elite non è quello della ricchezza, ma quello del potere, a cui sono disposti di sacrificare gran parte della loro ricchezza e se necessario anche la poca prosperità altrui. (cont)

    RispondiElimina
  8. A mio parere, superiore nella gerarchia degli obbiettivi anche alla politica è l’aspetto religioso, vero fondamento della società, ma questo è esplicitato molto bene nell’articolo di MDD.
    La religione è il controllo delle credenze, quindi della mente degli individui, in modo di assorbirne le energie per sfruttarle nel tentativo di avvicinamento all’obbiettivo assoluto: essere Onnipotenti, Onniscienti, Onniveggenti, Onnipervadenti, Immortali, cioè essere Dio (Satana).
    La volontà di potenza ci fa sentire divini ed è l’obbiettivo reale della cospirazione. La società umana è stata costruita a tale scopo: dare al Faraone la possibilità di essere Dio in terra. Nella società egizia, lo sforzo congiunto di tutta la popolazione era indirizzato allo scopo di far ottenere al Faraone l’immortalità o, come scritto nei testi delle piramidi, una vita che, come le stelle, durasse milioni di anni.
    Come in Cielo, così in Terra. Il Sole dona Luce e Calore (Vita) ai Pianeti, i quali sono soggetti alla sua autorità.
    Il ribaltamento della vera spiritualità consiste nel sovvertire l’ordine delle cose, quindi la formula diventa “come in Terra così in Cielo”, si pensa cioè che adoperandosi nel costruire un’architettura sociale che si reputa valida, allora anche l’ordine interno verrà conquistato.
    Niente di più falso! Rivoluzionari e reazionari, destra e sinistra, conservatori ed innovatori, sono uniti nel triste destino di far parte dello stesso sistema, dello stesso errore di fondo.
    Prima si conquista l’ordine interno (Cielo), poi, una volta conquistato, dovrebbe essere manifestato all’esterno (Terra), ciascuno recitando al meglio il ruolo che il destino gli ha assegnato.
    Adoperarsi per far raggiungere al Cuore la propria immortalità, dovrebbe essere l’obbiettivo primario di ogni individuo e suo irrinunciabile Diritto. Implementare, attraverso la religione, il disordine interiore è l’atteggiamento che comporta la volontà di usurpazione del Diritto Fondamentale di ogni individuo e si manifesta nel disordine sociale, nelle guerre, nella povertà, nella tirannia. In parole povere nella miseria della Storia dell’umanità.

    RispondiElimina
  9. MAESTRO DI DIETROLOGIA

    con 'sti chiari di luna, hanno poco da
    controllare sui nostri conti col cervellone
    Serpico!
    Buon Anno, carissimo!

    RispondiElimina
  10. @MDD.Questo è davvero un bel lavoro maestro!Ma di quelli che non trovano molti consensi perchè colpisce a destra e a manca,sopra e sotto.Tutti contrari perchè tutti responsabili,tranne quei pochi che si espongono sostenendo il vero!

    RispondiElimina
  11. MDD. E si, hanno ragione sia Demo che l' anonimo quassù, hai fatto proprio un bell' articolo in cui dai un pò di mazzate virtuali qua e là. Vorrei commentarlo ma ho il raffreddore! Lilith

    RispondiElimina
  12. Demo. Mi è molto piaciuto il tuo discorso così logico; e ho trovato peculiare la parte finale in cui mostri come i simbolismi vengono ribaltati per adattarli al potere. Vorrei commentare ma ora non sono in grado.....Lilith

    RispondiElimina
  13. AUGURO BUONA VITA SOLAMENTE: AI CONSAPEVOLI, A QUELLI CHE APPREZZO E MI SONO CARI, ALLE VITTIME INNOCUE ED AI BAMBINI IMPOTENTI.......................I MEGALOMANI BLASONATI, GLI ASTUTI RELIGIOSI, I LESTOFANTI BORGHESI; GLI IPOCRITI SERVI ED IL "SANTO" NATALE DI UNA CHIESA SGUALDRINA; CHE ANNASSERO AFFANCULO DA DOMANI MATTINA !!! AMEN. Lilith

    RispondiElimina
  14. COMUNQUE...
    BUON NATALE :-)

    HASTA IL TORTELLINO

    RispondiElimina
  15. CONCORDO CON DEMOCRITO...
    AGGIUNGO...
    La religione è il CANCRO dell'umanità, o meglio, tecnicamente lo strumento per poter fottere i cervelli... ma non solo la religione cattolica, anche quella musulmana che corrisponde alla cattolica medioevale, per esempio quando in nigeria, nella parte musulmana, lapidano una donna solo per non voler sposare un vecchio stronzo... Ecco a cosa servono le religioni, a bruciare in piazza le donne, a fare epurazioni etniche, a distruggere popoli interi, a fare lavaggio del cervello, a condizionare la psiche...
    Sono ancora lo strumento principe del male, infatti SANTO, significa SATANA, non a caso, ed i templari, braccio armato della chiesa, erano tutti macellai, pedofili nazisti...
    Questa è la religione, PAGANESIMO E MATERIALISMO SATANICO A GOGO'... malvagità ed irrazionalità, potere e controllo...
    BASSO ASTRALE ED INFERNO...

    La spiritualità è il contrario della fede, la spiritualità è consapevolezza razionale della contemplazione di ALTRO superiore ed inferiore, la fede è IMPLOSIONE ANIMICA E MORTE SENZA META...

    HASTA

    RispondiElimina
  16. OT......ma non del tutto: provate ad ascoltare attentamente i discorsi della gente,del popolo,sull'autobus,in fila in posta,sul lavoro.........boh,secondo me,pensare che possa scaturire un'autogoverno da sto polpettone zombificato e ormai totalmente plagiato mentalmente è abbastanza improbabile.......l'unico autogoverno possibile,sempre secondo me,lo possono attuare solo alcuni nel loro stato interiore ma è un'impresa titanica.

    Mr Blue

    RispondiElimina
  17. SI è VERO MR BLUE...
    OPPURE POCHI ILLUMINATI NEL SENSO BUONO DEL TERMINE, UNA MINORANZA ILLUMINATA...

    :-)

    HASTA LUEGO

    RispondiElimina
  18. mi scuso in anticipo per la grammatica che questo messaggio potra deficere! Sono un ragazzo di 20 anni e non oso pensare cosa il futuro mi possa prospettare!
    Di certo farsi un futuro in italia è piu' improbabile di farsi fare schiavo da queste istituzioni... Lo ammetto leggendo i commenti son rimasto a bocca aperta, molte informazioni oggi sono oscurate e di certo non le rendano certo pubbliche per il popolino scemo ....La televisione ha -"zombificato" tutti ma non solo , l'unico pensiero oggi è di andare allo stadio o di guardarsi il grande fratello .. ma in piazza non ci scende piu' nessuno come facevano una volta? Io non ci credo che non ci sia piu' nessuno del popolo pronto a da battaglia a questo sistema corrotto!

    RispondiElimina