lunedì 17 aprile 2017

AGNELLI SACRIFICABILI E NON SACRIFICABILI...


Abbiamo assistito nei giorni scorsi alla "saga del salvato agnello pasquale" da parte di Berlusconi e della Boldrini che hanno duellato a distanza con biberon e cuccioli da nutrire, illuminati sulla via di Damasco sulla necessità di tenere in vita ed allevare piccoli agnellini da latte, tanto carucci e simpatici.
Abbiamo assistito a questo triste teatrino ipocrita di due attori di diversi/uguali schieramenti politici che facevano gara di buonismo pasquale, commossi dall'innocenza dei pargoli morbidosi, animali che ai loro occhi valgono di più di altri che consumano amabilmente sulle loro tavole, ma con meno appeal mediatico ed iconografico religioso da veicolare.
Bisogna riconoscere come anche questa volta e nonostante l'età, Berlusconi sia riuscito ad attirare l'attenzione ed il suo estro geniale abbia nuovamente colpito l'immaginario ilico collettivo.
Più triste la rincorsa della Boldrini fuori tempo massimo, che ricalca ancora una volta come la sinistra partitica italiana sia una brutta imitazione della destra e come non abbia fascinazione la stessa operazione svuotata di magia cerimoniale e fatta da altra persona, oppure, più semplicemente, il suo ero un altro tipo di messaggio politico.
Oltretutto la Boldrini svolge il ruolo di vigilessa per quanto riguarda le fake-news che imperversano sulla rete, come se nel mainstream non ci fossero fake-news, anzi, come vedremo succede molto peggio e proprio per questo che ogni voce dissonante va riportata sulla retta via.
W la democrazia...
cit. Agnello nero


A parte il discorso politico di ritorno di immagine e di conseguente propaganda mediatico politica, ritengo che questi 2 episodi abbiano voluto veicolare messaggi simbolici o, ancor peggio, siano stati i medium per veicolare messaggi simbolici.
Credo che i messaggi in questione riguardino sia il micro che il macro e siano in relazione agli ultimi accadimenti nazionali ed avvenimenti su vasta scala.
L'Italia e non solo, rappresenta a livello globale una delle più qualificate sede informative di un linguaggio in codice operativo, mutuato da quello esoterico, quindi la maggioranza delle notizie dei TG, le scalette, certe notizie manipolate e create ad hoc, sono esclusivamente in funzione di un palinsesto di un paradigma militare ermetico che esprime un dato linguaggio "sottile" per necessità operative e strategiche.
In piccolo anche la stessa mafia ha basato le sue veline occulte più volte utilizzando un linguaggio antico ed accettato, magari veicolando numeri, immagini, codici e risultati sportivi in trasmissioni che si prestavano, oppure anche senza che fossero consapevoli tutti coloro che ci lavoravano all'interno.
Questo per dire che è prassi tutto ciò e non deve stupire che il nostro oracolo in HD sia lo strumento principe per comunicare a certi livelli, figuriamoci ad altissimi livelli cosa può accadere.
In questo linguaggio rientrano a pieno diritto gli ultimi fatti di IGOR il Russo, la cui multi-identità è stata scoperta alle 13 dello stesso giorno della strage di San Pietroburgo in Russia, per poi scoprire che ha altro nome e non è neppure russo, ma in quel momento serviva forzare la notizia per indirizzare scientificamente il messaggio da veicolare, doveva essere veicolato un nome tradizionale russo che avesse una determinata valenza simbolica.
E' interessante anche il luogo dell'omicidio, il Bar Gallo, e non certo per il nome che di per se' non significa nulla, ma perché nel calendario cinese il 2017 è proprio l'anno del Gallo e l'anno dell'annunciazione del presunto e millantato futuro conflitto con gli USA del papero Trump, ma quest'ultima è solo una scherzosa assonanza e considerazione personale.


Tornando agli agnelli sacrificabili ed a quelli non sacrificabili, nel caso di Berlusconi è palese la valenza simbolica che non è certo quella di aver sposato la causa animalista, ma quella di essersi prestato, volente o nolente, ad esprimere concetti più ermetici in chiave esoterica a scopo comunicativo.
Riporto qualche suggerimento ed idea proposti dall'amico Pietro Esposito, tratti da FB.
P.E. :"Vedo veicoli di messaggi, soprattutto quello dei "cinque "agnellini di Berlusconi, il 5 è il numero di Seth, quindi una futura purificazione di Seth, la crocifissione e sublimazione del Mercurio".
MDD: "In termini empirici come si traduce, se si traduce, a livello politico, geopolitico? 
Un sacrificio in arrivo, una fondazione di un Tempio nuovo o la fine di uno vecchio?
P.E. :"Il mercurio è qualcosa di liquido che dev'essere stabilizzato; in termini empirici si può dire che tutti i movimentismi torneranno ad essere partiti "normalizzati"; in politica estera il sionismo tornerà potente".

Riguardo l'attentato a San Pietroburgo e alle motivazioni occulte...
P.E. : Dopo che è avvenuta la grande accumulazione tra i Signori, i vassalli, i valvassini e i valvassori accumulano i loro piccoli feudi...
L'attentato ha colpito S.Pietroburgo, antica, evocativa città di tradizioni zariste, quindi è un attentato punitivo, per rimettere in riga il "discolo" Putin, ricordandogli il suo grado di vassallo.
L'effetto di quest'attentato sarà quello di porre un freno ai "putiniani' dell'Europa.
Tempi duri per Marine le Pen, ad es.
Dopo l'attentato, Putin si è affrettato a rilasciare un'intervista al Corriere di oggi dove afferma che lui fa ciò che il popolo russo vuole, cioè negando, di fatto, la sua vocazione espansionistica.

Su vasta scala succede di peggio, i messaggi si fanno più pesanti e talvolta più espliciti.
Gli USA buttano una terribile bomba su quella povera terra martoriata che è l'Afghanistan, nell'indifferenza generale, come se in quel paese fosse tutto lecito, come fosse la discarica del medioriente, per mostrare i muscoli ai suoi antagonisti/colleghi orientali, mentre la Cina utilizza il finto spauracchio della piccola monarchia della Corea del Nord, come scudo militare da contrapporre agli USA in un gioco al massacro provocatorio reciproco, mentre si lanciano 59 missili in Siria sempre a scopo intimidatorio. Qui il dialogo avviene su di un piano militare come in un risiko ma reale, ed i TG di tutto il mondo occidentale devono seguire l'indirizzo generale acritico, in pieno stile propagandistico in termini uguali/diversi dalla propaganda orwelliana coreana, diffondendo false notizie, dovendo agire sul plagio emozionale quando serve piangere bambini morti per giustificare interventi militari, mentre tace quando i bombardamenti americani colpiscono civili, ovvero quando non bisogna giustificare un'azione, ma semmai negarla, occultarla e riversarla in rete, zona grigia dove appunto chi tratterà certe tematiche sarà nuovamente visto come complottista e bufalaro.
Un meccanismo perfetto...
Una strage in un paese corrisponde ad un monito per chi governa quel paese, ed al tempo stesso ne sancisce il ruolo geopolitico, una bomba sganciata in altro luogo vuole essere un gesto di sfida come quando in una gang il capobranco ristabilisce i ruoli dei membri del gruppo per rimettere ordine, al tempo stesso tutti coloro che sono ammoniti, in piccolo replicano lo stesso schema di comando con i loro subalterni.
Signori, vassalli, valvassini e valvassori accumulano i loro piccoli feudi...
Berlusconi annuncia l’identificazione del nuovo nemico, un cambio strategico della via verso il potere: dalla retorica crociata anticomunista a quella odierna anti-grillina, prefigurando nuove alleanze con il Pd renziano per non consegnare l’Italia al M5S.
I nostri cari agnellini, almeno loro, sono al riparo dalle bombe, ma immolati simbolicamente all'altare di SETH, e quindi anche i valvassori nazionali e populisti sono richiamati all'ordine perché il 2018 si avvicina e la resa dei conti per la spartizione della torta arriverà presto, e si dovranno accontentare delle briciole. 





.

4 commenti:

  1. "In piccolo anche la stessa mafia ha basato le sue veline occulte più volte utilizzando un linguaggio antico ed accettato, magari veicolando numeri, immagini, codici e risultati sportivi in trasmissioni che si prestavano, oppure anche senza che fossero consapevoli tutti coloro che ci lavoravano all'interno."
    Interessante....potresti fare degli esempi?
    SEcondo te la Formula 1 serve per veicolare messaggi di un certo tipo?
    Il toro rosso potrebbe rimandare a questo,ad esempio....https://en.wikipedia.org/wiki/Red_heifer
    oppure al moloch,o alla Russia tanto per fare un esempio....
    Consiglio a tutti la visione di questo film
    https://www.youtube.com/watch?v=PLBPZtJEjZw
    troverete spunti interessanti ;)
    CIao da SoylentGReen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il moloch appartiene alla signoria proto-zarista discendente dal ramo Gorki'i esufflato dal partito Slavoj nel 1787.
      Secondo il maggiore studioso di ecrissologia vabantina, la Formula 1, che ha trovato il proprio agnello cerimoniale nel massone liutenantista Senna, in principio era un'emanazione della corrente Marionista che nel 1913 mirava ad appropriarsi di Palazzo del Vespro (Ragusa) per costituire il triangolo ZK-66466 che avrebbe chiuso il noto rito di Bakal (https;//de.landorus.tso/cm/Black_Sabbath?45sdfdsgjkskfjHHDF), cominciato nel 1260 con Montaperti, per spostare l'asse equinoziale plutoniano; ad incastro è da attribuirsi alla casa occulta francese De Manière.
      Ora è impossibile un decremento sostanziale in una partitura storica che si snoda attraverso 8 SeCoLi, laddove la prescienza la porti ad approfondire una delle previe voci è consigliabile "handbuch uber didaktik unteranimalischen physiologie" di Armando delle Corone rintracciabile solo nella biblioteca Lombrosiana a Cremona sul Mincio in provincia di Assisi(Genova).

      Lamberto LAmia Deuterico Positronio di Castelvincenzo in Arno

      Elimina
  2. In piccolo anche la stessa mafia ha basato le sue veline occulte più volte utilizzando un linguaggio antico ed accettato, magari veicolando numeri, immagini, codici e risultati sportivi in trasmissioni che si prestavano, oppure anche senza che fossero consapevoli tutti coloro che ci lavoravano all'interno.

    E non dimentichiamo il codice dei tatuaggi sul corpo degli affiliati, tornato in auge con il film di Cronenberg sulla mafia russa di Londra ( qualche anno fa ), ma prassi usuale nelle mafie italiche.
    Al Museo Civico Medievale ( Palazzo Ghisilardi ) c'è una piccola mostra dedicata al tatuaggio nella ''Italia'', che ti consiglio di vedere.

    ===

    RispondiElimina
  3. [ Mio post ] sull'argomento.

    { buona giornata }.

    ===

    RispondiElimina